Skip to main content

Full text of "Vorlesungen über theoretische Physik"

See other formats


Google 



This is a digital copy of a book that was prcscrvod for gcncrations on library shclvcs bcforc it was carcfully scannod by Google as pari of a projcct 

to make the world's books discoverablc online. 

It has survived long enough for the Copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subject 

to Copyright or whose legal Copyright term has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 

are our gateways to the past, representing a wealth of history, cultuie and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other maiginalia present in the original volume will appear in this flle - a reminder of this book's long journcy from the 

publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with libraries to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we have taken Steps to 
prcvcnt abuse by commercial parties, including placing lechnical restrictions on automated querying. 
We also ask that you: 

+ Make non-commercial use ofthefiles We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commercial purposes. 

+ Refrain fivm automated querying Do not send automated queries of any sort to Google's System: If you are conducting research on machinc 
translation, optical character recognition or other areas where access to a laige amount of text is helpful, please contact us. We encouragc the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attributionTht GoogXt "watermark" you see on each flle is essential for informingpcoplcabout this projcct and hclping them lind 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legal Whatever your use, remember that you are lesponsible for ensuring that what you are doing is legal. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countries. Whether a book is still in Copyright varies from country to country, and we can'l offer guidance on whether any speciflc use of 
any speciflc book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search mcans it can bc used in any manner 
anywhere in the world. Copyright infringement liabili^ can be quite severe. 

Äbout Google Book Search 

Google's mission is to organizc the world's Information and to make it univcrsally accessible and uscful. Google Book Search hclps rcadcrs 
discover the world's books while hclping authors and publishers rcach ncw audicnccs. You can search through the füll icxi of ihis book on the web 

at |http: //books. google .com/l 



AX ZU 



tVf.- 



i 



1 






U 



Xit 



IL 

FAVOLEGGIATORE ITALIANO 






\ 



daixb 8tampb di o. schulze» 
13, poland strebt. 



IL 

FAVOLEGGIATORE 

ITALIANO, 

08SIA 

RACCOLTA DI FAVOLE SCELTE 

IN PROSA 

IN CUI TUTTE LE VOCI SAn 8BGNATB CON PRApRJ ACCENTI 
PER FACILITARNE LA PRONUNZIA, 

CON UNA TAVOLA 

per Coi^ugare e tradurre facilmente i V£rbi regolari, ed un 
Vocabol&rio log^lese p6r la tradnzione, 

AD USO DELLE SCÜOLE 

E DBOLI STUDIOSI DELL^ ITALIANA FAVELLA, 

DA L. FABRE, 

Con alcune corrczioni ed altre F&Tole agginnte e comptete 

DA 

PIETRO CTCCHETTI. 



LONDRA: 

PRESSO DULAU E CO., SOHO SQUARE. 

1832. 



n 



PREFAZIONE. 



In ogni s^colo söno State considerate le Fävok 
dai Filösofi medesimi^ siccome un campo am^no 
e fecondo di utilitä^ d' istruzione^ e di morale. 
Perciö da tutte le nazioni furon gradite, non solo 
dalla fanciuUesca, ma pure dall* adolesc^Dte e 
virile etä. 

La limpida inorale s' insinua sotto le forme delF 
Apölogo, e sotto i piil vaghi colori : la verita ndn 
offi^Dde perch^ si pres^nta sotto il velo deir alle- 
gorla. Di modo che^ quando la giovin mente^ 
come quella deir uömo sennato^ döpo la letturae 
lo Scherzo^ rifl^tte e scörge i pröprj dif^tti che 
biäsima negli animali od altro^ servßndosi deir 
ajuto della ragione cerca di evitarli. 

In oltre, vi si tröva una gran varietä di espres- 
sioni molto in uso nel parlare ; e cid fa int^nder 
p6i agevolmente la conversazione. Onde sp^ro 
che queste fövole continueranno ad 6sser ricevute 



PREFACE. 



In every age Fables have been considered^ even 
by Philosophcrs^ as presenting a pleasaot and 
fertile field of moral and useful Instruction, there^ 
fore, have they been universally read with pleasure 
not only in cbildhood and youth, but have been 
esteemed not unsuitable to the taste of maturer 
age. 

Pure morality is blended with fiction in the 
most delightful and attractive forms, and Trutli 
conveys no ofFence, because she appears undet 
the veil of Allegory. Hence the youthful mind, 
as well as those more advanced in age on reading 
a fable, reflects and perceives bis own errors in 
those faults which he censures in the animals or 
other creatures introduced, and, by the aid of 
Reason, endeavours in future to avoid them. 

Moreover, here will be found a great variety of 
expression much used in speaking which in a great 
measure aids conversation, and therefore I trust 
these fables will continue to be kindly received, as 



vi 



benignamente, pot£ndo servire di lettura dilett^-^ 
vole agli Studiosi dell' Italiana fav^lla. 

Esse f6rono scelte, o tradotte da L. Fabre^ ne 
hö aggiunte alcune di mia composizione. Mi 
permisi di farvi plccoli cangiamenti e correzioni 
di costruzione e di pronunzia, che mi pärvero piü 
conven^voli, e mi lusingo che nön saranno sog^tti 
alla crltica. 

AUa fine di ogni favola si troverä il suo s^nso 
tDorale, che sarä seguito da una sentönza^ o pro- 
v£rbio, in cüi la lingua It^iana primeggia ed i 
sommamente ricca. 

Per facilitare ai principianti 1' intellig^nza della 
lingua Italiana döpo ogni fävola vi sarä la signifi- 
cazione in Inglese delle par61e e frasi piü difffcili 
quasi litteralmente. La prdpria lingua d s^mpre 
migliore p6r paragonarsi a quella che s' impara : 
fac^ndosi uso di un* altra^ bisognerebbe saperla 
quasi a perfezione ; e questo accade raramente. 

Si faccia avvert^nza, che quei vocäboli^ che 
hanno qualche analogia con la lingua Inglese n6n 
sdno stati tradotti, quelli giä messi n6n sdno stati 
ripetüti^ nön si h pösta neppure la traduzione di 
quei t^mpi dei v^rbi regolari } ma per dare mag- 
gior facilitä si troverä döpo questa prefazione^ una 
tävola^ che contiftne le tre conjugazioni regolari. 



Vll 

they will ser^e as delightfui reading to Btudents 
of the Italian language« 

They were originally selected and tranelated by 
L. Fabre, but I have added some of my own com- 
poeition and made such alterations^ and correc- 
tions in the construction and pronunciation as ap- 
peared to me suitable, and for which 1 flatter my« 
seif I shall not be found amenable to criticism^. 

At the end of each fable will be found its moral, 
and a proverb, in the coniposition of which the 
Italian is peculiarly happy and rieh. 

For the assistance of beginners the most diffi - 
cult words and i^entences are explained in English^ 
at the end of each fable almost literally. As it is 
conceived best to learn through the medium of 
our own language any other we would acquire^ 
or ]f another language is used^ it ought to be 
equally well understood, which is rery rarely the 
case. 

It must be observed that those expressions that 
are analogous to the English have not been trans- 
lated, and that those words, which have already 
been translated, are not repeated, nor the transla- 
tion of the tenses of the regulär verbs ; but to af- 
ford greater facility there will be found after this 
preface, a table containing the three regulär con- 



vm 

av^ndo avuto cura di separare le radici dalle finali, 
e di far seguire i t^mpi^ che hanno assomiglianza 
fra loro ; d6po il pres^nte delF Indicativo si tro- 
rerä V Imperativo ed il pres^nte del Congiuntivo, 
e cosi degli altri^ affinchfe gli Scolari abbiano faci- 
litä di tradurre. 

L' esperi^nza mi ba insegnato, ch' ^ molto diffl- 
cile agli Scolari di rammentarsi di tante rigole ed 
eccezioni sulla pronunzia 3 ma ^ ancor piii malag^- 
vole il nön avere qualche buöna guida ; perciö 
sieguo a pr^sso a p6co il m^todo di parecchi 
grammätici col servirmi dell' acc^nto circonfl^sso 
per indicare che le vocali o ed e söno lunghe ed 
aparte, deir acc^nto acuto p£r mostrare che quelle 
slUabe o vocali s6no lunghe^ ed anche dell' acc^nto 
grave quando V ultima vocale h lunga, come nelle 
parole virtüy bontä; ma quest' ultimo acc^nto ap- 
parti^ne all' Ortografia e si deve s^mpre usare negli 
seritti e nella stampa."* La l^ttera z ha piü sov^nte 
il sudno di ts come nelle p?ir6\e,grazia, allegrezza, 
ecc : quando si pronunzia come se vi fosse ds, come 
nelle paröle ^^lo, m^zzo, ecc, Y h6 fatta stampare 
con carättere Itälico. 



* Tatte le par61e che in questo volometto n6a baDoo aicun 
s^gno o accSuto sopra,' s6no chiamate par61e pi&ne, e si d^vono 
pronanziar Innghe «alla penültima sfllaba. Oode nelle par6le 
di djie sf Habe la prima ^ InngBy la seconda d br^ye. 



IX 

jugations; care being taken to distinguish tlie 
roots from tbe terminationB, and to foUow the 
Order of those tenses which are similar ; after tbe 
present of the Indicative mood^ I have placed the 
Imperative and the present of the Subjunctive, 
and so with the others, in order that students 
may be able to translate with facility. 

I have always found that it was very difficult 
for scholars to remember so many rules and ex- 
ceptions in the pronunciation^ and still more dif- 
ficult not having a proper guide^ therefore I have 
nearly followed the method of other Grammarians, 
in using the circumflex accent, to denote that the 
letters o and e, are long and open ; the acute ac- 
cent to mark that the syllable er vowel is long, 
and the grave accent to mark when the last vowel 
is long at the end^ as in virtü, bontä, bat this lat- 
ter accent belongs to Orthography, and is used in 
writing and printing.* The letter z has often the 
sound of tSf as in the words grazia^j grace ; a/- 
legrezza, mirth, &c., when it is prouounced like 
ds, as in the word^z^h, zeal; mizzo, half; &c., it 
will be found printed in italics. 

* AU the words, which io this Tolume have no mark or 
accent opon, are called words ptane, or soft words, aod must 
be pronoanced long upon the last syllable bat one. Thas in the 
words of two syllablesthe first is long^, the second sbort. 



.£B86ndosi V örecchio assuefafto al vero südno^ 
con r ajuto d' un Maestro, che sappia mdttere in 
prättica tali utili segni, sarä fäcile p6i di l^ger 
b£ne altri libri, in cüi s' incdntranb spesso le ntie- 
d^simi voci« 

Qaegr insegnatori, che nön hanno buöna pro* 
nunzia, nön ameranno forse queato mttodo ; sic« 
come quelli, che ndn hanno örecchio p6r diötfn- 
guere quäl sia il 8u6no piü armönico segu6ndo qual 
gr^gge queUe cattive guide, che s6nza ragione 
hanno dato false rigole, diranno che tali accftati 
ndn söno esatti ; io risponderö loro, che cid nön 
deve impedire ai buöni ma^stri di fare il loro do- 
vere, e di trovare la via piü br£ve affinch^ gli al- 
li6vi di buona volontä fäcciano räpidi progr^ssi^ 
come farö il mio possibile di dare in br^ve pröve 
convinc^nti di quanto hö detto, in un trattato suU' 
Italiana pronunziazione. 



xi 



T*he ear being thus accustomed to the true 
souDd, with the assistance of a maater, who knows 
the use of these accents it will then be easy io 
read well other books in which the aame words 
occur. 

Those teachera who have naturally a bad pro- 
nunciation will not perhaps approve of thls me» 
thod, as well as those who have not a correet ear 
to distinguiah which is the most harmonious 
Bound, that foUow like a flock of sheep, those bad 
guides, who without reason have laid down telse 
rules^ will find fault with this System of accen- 
tuation. I answer that this must not be an im- 
pediment to able teachers to do their duty^ and 
to find the shortest method so that their willing 
pupils Qiay make rapid progress, as I shall endea- 
vour shortly to give convincing proofs of what I 
have Said, in a Treatise upon the Italian pronun- 
ciation. 



1 



mm^ 



l 



dta- 
üta' 
ita. 



4te 
•Ute 
ite 



ded ioto root and termination. 



IL 

FAVOLEGGIATORE ITALIANO 



FAVOLA PRBLIlflNARB. 

I. — II proämio e V Opera sua Sortlla, 

lo n^n ne pdsso piü !* ognuno ti oss^rva e ri- 
cerca con attenziöne grandf ssima, e mi vedo qu&si 
da tutti abbandonato, BordIa mfa, mentre sdno in- 
oaricato a dare il s^nso delle tue par<$le, e V in- 
tenziöne di chi ci ha dato alla luce If Non sfi, 
caro frat^lloj che il mondo ^ piü condotto dalla 
curiositä, e dagli allettamenti, che dal deslo di 
b^Q sapere ; tua consölati, che tu vivi qui^ fra i 
pdchi Bavj, ed io sdno importuBata dalla moltitti- 
dine, piü stimata perd da' tadi veri amici. 

* II pro^mio parla all* Opera sua Sordla. 
t L' dpera del libro rispondev 

1 



Marale. 

Prima di giudicare delle pardle, informiimoci 
delle intenziöni. 

Chi mal fa mal p^nsa. 



PRBLIMINART FaBLB. 

Proemio, preface; opera, work ; sorella^ sUter} 
lo non ne posso pift, / can bear it no longer ; 
ognuno^ every one; osservare, to observe; vedere, 
toseei quasi^ ahnost ; da tutti^ by all; abban* 
donare, to abandon; mentre, while; incaricare, 
toentrust; dare, to give; parole, words ; luce, 
light; sai, knowest; caro^ dear; fratello^ bfro^ 
ther ; mondo, world; condotto, conducted , allet- 
tamentt^ amusements ; desio^ desire; sapere^ to 
know; coQsoIare, to console; yivere, toKve; 
quieto, quiet; fra, among ; pochi, few; sav), 
sages ; ^ümdLVt^ to esteem;ferby however; veri, 
true ; amici, ßiends. Prima, before ; giudicare^ 
tojudge ; informare, to in/orm ; male, bad; pen- 
sare, to think ; fare, to do» 



II.— /< Contadino e la Vipera. 
Uu contadino camminindo lange di una siqjie^ 



vide üna Vtpera, la quäle dal freddo ecceftsivo 
atava p^r morire. Tocco egli* di compassiöne, 
81 accJsta, e prdsala nel säo seno, se la portö a 
casa, e la mise pr^so al fudco. Ma subito che 
r animale intormentito dal freddo, ebbe sentito 
il calörej che alzando il capo, indi rianimändosi, 
s' avventö contro il süo benefattdre. ^ Come 1 
disse il Contadino ; ^ questa la ricomp^Dsa a me 
dovuta ? BMiä sconosci^nte ! tu morräi. E in 
qu^Bto dire prese una faice e la tagliJ in tre p^zzi. 

Morale. 

In qu^sto mondo s' inc6ntrano molti ingräti, 
«imili alla vf pera, ma ndii bisogna perci^ cessar di 
Äser caritat^voli, anche v^rso i n<$stri nemicil 

Vudi far Vendetta del tuo nemico ? Gov^r- 
nati b^ne» / 



II Contadino e la Vlpera, cotm/tymoit, viper ; 
camminare, to walkj siepe^ hedge ; vide> saw ; 
ia quäle, tohich ; freddo, coU ; stava per morire, 
UH18 on the point ofdeath; tocco^ abreviatiQH of 

■ — ^_ll^■■■ — w ^ '-' — — ^— ^ 

* Sometimes it is graceful to place the pronoun 
after the verb. 

.1* 



toccato touched ; accostarsi^ v. refl. to approaehi 
pogtala, put it ; seDO, bosom ; portare, to carry; 
a casa^ home; mise^ put ; presso al fuoco, near 
theßre; subito^ soon; intormentire, tobenumb; 
freddo^ cold; sentire, tofeet; calore, heat ; riz- 
zare, to raise ; capo, head ; rianimare^ to reani' 
mate ; avyentarsi^ to rush; contra, against; come, 
how fjäisse, said; dovere, to owe ; sconoscente, 
ungrate/ul; morrai, shall die; e in questo dire, 
saying this; prese^ took; falce, scythe ; fece, 
made ; pezzi, pieccs.-^Mora.le, moral ; mondo, 
World; mcontrare, to meet; molti^ many; non 
bisogna^ you must not ; cessare, to cease ; essere, 
to be ; nemici, enemies. Vaoi, toill you ; far Ven- 
detta, to be revenged. 



HI.—// Cane e la sua Ombra. 

Un Cane, attraversändo un fiüme, tendva tra i 
d^nti un b^l p^zzo di carne; e ved^ndo nell' acqua 
la 8Üa immägine pens^ che fdsse un altra cane, che 
portässe un' altra pr^a. / Perciö avvicinätosi all' 
ömbra, cerc6 di tögliergli la pr^da ; ma la siia 
aviditä gli costö caro : perch^ perd^te il p^zo 
che av^va, s^nza pot^r pr^nder qu^Uo che bra- 
mäva di av^re. 



Morale. 

Chi desfdera di guadagnär milto, Bp^aso p^rde 
quel che possi^dc. 

** Fra* düe torr^nti in aacititto/' 

II cane e la sua onibra^ the dog and his shadow. 
attraversare^ to loross ; fiiimei river ; ten^fe, to 
hold; denti, teeth; hel,ßne; carne^ meat ; ve- 
dere, io see ; acqua^ tvater ; pensare^ to think ; 
altro, other ; preda, p^ey ; avvicinarsi^ to ap-- 
proach ; cercare, to try ;^togliere, to take ; caro, 
deoT ; perdette« tost; potere^ to be able; pren- 
dere,, to take ; bramare, to ufU^A.— Spesso, qften ; 
perdere^ to lose ; asciutto, dry. 



lY.'^L^dsino ed il Cinghidle. 

Un Äsino impertini^nte^ av^ndo inconträto p^r 
ifitrida un Cinghi&le, ebbe l'arditdzza non sdlo di 
deriderlo ma anche d' insultarlo. II Cinghiäle^ 
animale coraggidso, incomiDcüva a mostrar le 
zanne^ e stava p^r vendicärsi con lacerarlo in 

* (L'u^mo 81 trtffa •pesso) fra dae» etc.» is 
underatood« 



6 

p^zzi ; quando fortunatam^nte pA s6o on<ire fren^ 
la süa cdllera. Vile animale che tu s^i^ gli disse ; 
mi sarebbe cdsa fäcile il vendicärmi ; ma n^n vd- 
glio imbrattärmi di un si vil sangue. Ricdrdati 
che ndn 8^ altro che un Asino« 

Morale. 

II dispr^zzo ^ la sola Vendetta che an galantud- 
mo pdssa £ire di uno sci^cco, ö di uno sciaguräto, 
s^nza avvilirsi. 

^^ Chi tdcca la p^ce s'imbrätta/' 



L' Asino ed il Cinghiäle, the Ass arid the wild 
Boar; iatrada, way ^ arditezza, boldness ; deri- 
dere, to deride ; mostrare, to show ; zanne, tusks; 
lacerare, to tear ; frenare, to restrain ; collera, 
anger ; cosa, thing ; facile, easy ; imbrattarsi^ to 
pollute ; sangue^ blood y^^ricordarsi, to remember. 
•— Disprezzo, coTi/em/?/; sola, onfy; sciocco, foot ; 
sciagurato, scoundrel ; awilirsi, to abäse; pece, 
pitch; imbrattarsi, tostain. 



V.-^La Fölpe e V üva. 

Una c^rta Vdlpe, che alcüni dicono nata in 
Normandia, altri in Guascögna ed altri in lUiia ; 



quasi mor^ndosi per la fäme, vide c^rta uva sdpra 
una Pergola i]f^ cöme le partfa b^la e saporfta» 
lanci^ssi piü vdite in alto a^nza mai pot^vi arri- 
väre ; e ved^ndo tutti i sudi tentaUvi inütili | se 
ne andd via dictfndo : quell' uva ^ tröppo ac^rba, e 
b^n potrebbe off^ndere la delicaUzza del nilo pa- 
läto. 

Morak. 

Sp^sso disprtzziämo una cdsa appünto perchi 
n6n possiämo ottenärla. 

^- Cercär niigiidr päne che di form^nto." 

-/ 

La Volpe e V Uva, the Fox and the Grapea; al- 
cuni, some; dicono, say ; nata, born ; altri, others ; 
quasi, almost; morire, to die; fame, hunger; vide, 
$aw ; certa, certain ; pergola, arhour ; phrth for 
pareva^ appeared, from parere, to appear; sapo- 
rita, savoury ; lanciarsi, to leap ; volte, times; in 
alto, tf/7; vedere, to 5e6/4tentativi, attempts; an- 
dare, to go ; via, away ; dicendo, gerd. cj^dire or 
dicere, to say; acerba, sour ; potrebbe offendere, 
might offend; disprezzare, to despise; appunto, 
merely ; pane, bread ; forinento, com. 



8 



VI. — La Cicäla e la Formica. 

Uua Cicälä stridula, av^ndo passäto tutta la 
State a divertirsi^ si trovd in un grandissimo im- 
baräzzo qaändo incomincid Tinv^rao. £ nön po- 
Utedo ritroväre i\i vermiciudli, n^ mösche da man« 
giäre^ quasi si moriva di fäme. Sap^va per<$ che 
la formicay sua vicina^ aveva bu<5na provvisiöne 
di i^ani, ed altre cdse necessärie alla vita ; che la 
prdvida vicfna^ av^va accumuläto nella State. 
Dunque nell' estr^mo süo bisdgno andd da l^i ; e 
in supplich^voli acc^nti cosl si pöse a dirle : cara 
formlca, ti pr^go, pr^tami pdchi grani per vlvere 
fino alla primav^ra ; ed allöra ti giüro suU' onör 
mio ndn solo r^nderteli aggiang^ndovi 1' Interesse, 
nia ancora di ^ssere fino alla mdrte riconoscen- 
tissima. 

La Formlca ndn ama mdito a dare in pr^tito^ 
ä peccäto ^ v^ro ; ma ognüno ha i %\xoi diMti e 
qu^Uo ^il süo.— Ma ditemi Signöra Cicäla^ cdsa 
faceväte nella State quando lo lavoräva ? disse la 
formicä : cantäva« rispöse la Cicäla : ca^taväte ! 
• .evvlva^ me ne rall^gro veram^nte; dunqae bal- 
l&tead^sso 

Morah^ 
Bisögna lavoräre ndllagioyindzza^ p^r nön ^ser 



9 



costr^tto di lavoräre näla vecchiäja, quando le 
malattie e la debol^zza, ci fänno troväre ii lavöro 
mölto piü fatictfso e spiac^vole« 

*' Ndu si pud aver la rdsa s^nza Ic apine.' 



La Cicala e la iF'ormica^ the Grasshopper and 
the^nt; stridula^ chirping ; state^ «Miiim«r; di- 
vertire, to amtise ; trovare, tofind ; grandissimo, 
very great; inverno, winter; veriniciuoli. Utile 
teorms; mosche,ßies; mangiare, to eai ; sapere, 
to know ;^etö, however; vicina, neigkbour ; 
-^TovxdsLyprovident ; dunque^ then; bisogno^ want ; 
da lei, to htm} cosl bi pose a dirle : thtis addressed 
himself to htm ; cara, dear ; pregare, to pray ; 
prestare, tolend; fino, tili; primavera^ spring; 
allora, theti ; /giurare, to stoear ; aggiungere, to 
add ; riconoscentissima, very grateful ; h peccato, 
it is a pity ; k vero^ it is true ; ognuno^ every wie; 
cantare, to sing ; rispose^ replied ; eyviirai bravo ; 
rallegrare, to rejoice ; veramente, truly ; ballarei 
to dance ; adesso, noii^.-^Bisogna, it is necessary ; 
giovinezza, youth ; i£ostreito, obliged ; vecchiaja, 
old age ; malattie, illness ; debolezza, debility ; 
faticoso, fatiguing ; spiacevole, disagreeable ; 
non si puö, we cannot ; »pine, thoms. 



10 



VIL— 7/ Pesciolino e il Pescatbre. 

tJn Pescatdre av^ndo pr^so n^lla sua rdte un 
pesciolino, qu^sti, lo preg<5 di gettarlo di nadvo 
nel niare dic^ndo : Che cdsa potrete far di me ? lo 
ndn sdao grosso abbast^nza, e la mla carne non 
ha anc<5ra sapöre. Lasciäte ch' io cr^ca e di- 
v^nga grdsso e b^Uo, ed alldra mi ripescher^te 
quändo vi piacerä. A che il Pescatdre rispöse : 
b^ pesciolino, io ndn bado alle tue b^ie par<fle. 
Ad^sso ti t^ngo nelia mla c^sta, e ndn sdn sicäro 
di poterti pr^ndere un' altra vdlta, percid sta s^ra 
ti metterd nella pad^lla* 

Morale, 

Nön bisögna inäi nella speränza di av^re un 
gran vantäggio inc^rto, abbandonärne uno plcco- 
lo, alla verita, ma sicüro. 

^* JE m^lio un udvo ^ggi, che domäui una 
gallina/' 



II Pesciolino e il Pescatore, the Utile ßsh and 
ihe Fisherman ; preso, taken ; rete, net ; quesU, 
he ; gettare, to throw ; mare, sea ; grosso abba- 
stanza, large enough ; sapore, taste ; lasciare, to 
leave s crescere, to increase; divenga, become^'k 



]] 

a che^ to which ; badare, to eure ; tengo, Ikoldß 
cesta, basket; sta sera, thü evening; mettere, to 
put ; padella^ fiyüig pan ; speranza, hope ; pic- 
colo, smallj sicura, certain; meglio, hetier ; un 
uvoy an egg; domani, to^morrow ; gallina, Aeit. 



VIII. — La Donna e la GalUna. 

Una ddnna attempäta av^va una b^la Gallina^ 
che ogni giörno le fac^va un udvo di smisuräta 
grand^zza. N^n cont^nta di qudsto, ella pensd 
che alimentändola ancör m^glio^ di qud che face- 
va, potrebbe cosi av^re düe udva al gidrno in 
Y^ce di uno. Le dette dunque gran quantitä di 
grano ; dimddoch^ la Gallina a p<5co a p<5co di» 
rentd si grassa, che ndn pot^ piu far udva. 

JUorale» 

Colöro che c^rcano a guadagnare con grande 
aviditä^ quasi s^mpre si rovlnano cöi m^zzi stdssi 
che pr^ndono p^r arricchfrsi. 

^^ Chi trdppo abbräccia nulla stringe." 



La Donna e la Gallina^ the Lady and the Ben ; 
atteoipata, d^erf; ogni^eocA; giomo, day/ smi- 



12 

surata, immense; grandezza^ size ; alimentando, 
feeding; al giorno, every day ; in vece, instead; 
dette, gave; dimodoche, so thatj>(^ poco a poco, 
by degrees ; direntare, to become : grassa, fat, — 
Coloro, those; coi mezzi stessi^ by the same 
means ; arricchire, to enrich; abbracciare to 
embrace; striugere, to hold. \^" 

IX.— 7/ Leone, la Tigre e la Folpe. 

Un Leone ed una Tigre stäncbi di combättere, 
a causa di un Cerviätto da loro ucclso, si vldero 
costr^tti ambedüe di sdrajärsi suUa terra^insangui- 
näta coI loro sängue ; n6n pot^ndosi pi^ r^ggere 
suUe gambe. Muntre ^rano in qu^sta situazidne, 
e che av^ano perdüto änche la forza di rialzärsi, 
venne a cäso una vdlpe^ che tdlse vfa la pr^da, 
s^nza che alcüno da campiöni pot^sse opp6rvisi.y^ 

Morale. 

Quändo düe scidcchi cont^ndoao insi^me^ le 
loro risse s^mpre sdno al vantäggio di una ^rzä 
persona. 

'' Tra düe litigdnti il t^rzo gdde." _._: 



II Leone, la Hgre e la Volpe^ the lAon, the 71* 



ger and the Fos ; stanchi, wearied; cerviätto, 
a/awn; ncei»Oj killed ; costretti, obliged; sdra^ 
jarsi, to lie down ; terra, Barth ; coperta, covered ; 
sangue, blood ; reggere, to support ; gambe, Ugs ; y 
di rialzarUy to raite themaelves; venne, canie ; 
a caao, hy chance ; tolse via, took awajf ; alcuno, 
any one; campioni, Champions ; opporvisi, to 
oppose lY.— Sciocchi, fools ; risse, disputes ; liti- 
ganti, düputants ; godere, to enjoy. -_ 



X.^-'La Ohidnda e la Zucca. 

Un contadino preauntuöso, spasseggiändo p£r 
una campägna un gi6rno di State, stava conside- 
rindo cöme il creatöre dd mdndo av^va potuto 
dare alla zucca, uno stdo si d^bole e sl sottf le ; e 
alla qu^rcia un frutto cosi piccolo. lo ndn la 

p^sso capfre «Dic^va egli : e certam^nte Id- 

dfo avrä fotto sbaglio. • . »perchi avrebbe dovüto 
mattere la zucca sulla qu^rcia» e dare alla piänta 
di zucca la ghiända; la ctfsa S chiara. Oppr^sso 
finalm^nte dal caldo, e dal p^so delle süe rifles- 
sidni, si pöse a dormire airömbra di un'altis- 
sima qu^cia. Un aqailöne fdrte, di li a p<5co 
scdsse r ilbero, e {6ce cad^re par^cchie ghi&nde ; 
qaando una fra V altre cadde appdnto sulla punta 

a 



J4 

del naso del ndstro crftico censöre : svegliato dal 
dolore^ vi pdrta la mäno, e v^de oscfre il sangue. 
Oh scidcco ! presiiDtuöso 1 ch6 8dn6, disse egii 
allöra: b^ii v^do che Dlo ha fatto tutto cölla 
maggiör savi^zza ; e se quella ghianda fdsse stata 
cäcca, certamdnte mi avrebbe fracassäto il capo. 

Morale. 

Etnpj^ preauntutfsi, voi che ardite di biasiniäre 
le dpere di Dlo, iaiparate da qudsta fävola, quänto 
si^no stdlte le vdstre critiche« 

^' Ciascüno att^nda a' fatü sudi." 



Ghianda, Acom ; Zucca, Pumpkin ; spas- 
seggiare, to walk; mondo, world; dare, to 
give ; stelo, stem ; debole, weak ; sottile, fine ; 
quercia, oak; capire, to understand ; diceva, said ; 
sbaglio, mistake ; mettere, to put ; pianta, plant ; 
chiara, ckar; finalmente, atlast; peso, weight ; 
ombra, shadow ; altissima, very high ; aquilone, 
north wind ; scosse, shook ; albero, tree ; cadere, 
to fall ; parecchie, several; fra, among; cadde, 
feil; appuiito, exactly ; svegliare, to awake ; 
dolore, pain ; vi, there ; porta, raised ; saviezza, 
wisdom ; fracassare, to break ; capo, head.-^ 
Empj, impious ; ardire, to dare ; biasimare, io 
find fault; opere, works ; imparare, to kam; 



15 

stolte^ foolüh ; critiche^ eriiicUms ; ciascuno, 
every one ; fatti, qffbirs. 



Xl.—Xa Rana e il Büe. 

Una Rana vide un giörno un Büe, piscere in ua 
prato fiorlto ; e bramd ugguagliärlo in gross^zza. 

C&ppita \ quanto ^grosso e maestoso ! diss' 

^Ila: e incontan^nte incomincid con tutte le säe 
fdrze a gonfiäre la stia aggrinzäta p^e. / P^ guar- 
dändo, le rangle stie figlie^ domandd 16ro se n(5n 
^ra giä gr<5ssa quänto il Bde. ^Ueno risptfsero di 

nö «M a adAso che vi pare ?••••• «diss* äla ; 

gonfiändosi oiaggiormdnte. Tutte d' una y<5ce 
commune^ le dlssero che ne ^ra lontana oiille ml- 
glia«^Cöme 1 nSn ancöra ?••••• «ma ^ccomici« 
Nepptire. — AUöra 1' orgogli68a b^tia raddop- 
piä^do i su<5i sfdrzi^ tanto distdse la pelle gonfiin- 
dosi| che finalm^nte scoppid. 

Moraie. 

Molti u^mini, ndla 16ro condtftta^ s^no simili 
alla rana | e ndn cont^nti di vivere onoratam^nte 
nel rango assegnäto 16ro dal ci^o^ c^rcano di pa- 
reggi&re i 16ro superidri^ con isp^se stravaginti, 

2* 



16 

e Bcialacquämenö d'ogni g^oere, e con cid si 
rovinano. 
^' NJn fare il passo piü lungo d^Ua gamba." 



Rana, Fr€^; Bue, Ox; giomo^ day ; pascere, 

to feed; prato, meadow ; fiorito^ flowery ; bra- 

mare^ to wish; agguagliare^ to egual ; grossezza, 

sizes cappita, hey day ; grüBSo,great ; maestoso, 

majesHc ; incontanente, presently;/ incomin- 

ciare^ to begin ; forze, strength ; gonfiare, to swell 

out; aggrinzare, io torinkle ; pelle, «Am; guardare, 

tohok; ranelle, lütle Frogs ; giä already ; ri- 

sposero, replied; adesso, now ; che, what ; pare, 

appears ; maggiormente, still more ; lontana, cSr* 

tont; eccomici, now behotd me ;^nepfure, nor j 

allora, tken; orgogliosa, proudj raddoppiare, to 

redouble ; distese, stretchedj scoppio, burst.-^ 

Molti, many; simili^ /JA:e; onoratamente, Aoraor-« 

ably ; rango, rank ; a^segnare, to assign ; cer- 

care, to /lyj^pareggiare, to equal ; ispese, ex» 

penses ; scialacquamenti, profusions ; rovinare, 

to ruin ; passo, atep ; gamba, leg. -^ "^ 

7^ 



) 



17 



Xn.— J> düe Pigndite. 

Una Pignätta di fAro, stanca di riman^r s^mpre 
in' cudna; propöse ad una di t^ra di viaggiär 
con I^i lungo il fitime^ che scorrdva pr^sso alla I6ra 
cafia. La Pignätta di t^rra rispose : io s^n cosl 
delicäta di mia natura, che al mdnomo inttfppo an- 
dr^ in p^i. Vi Bön m61to ten6ta ; ma davv^ro 
udn hö cudre che hastig per intrapr^ndere an vitfggio 
p^r äcqua, e A periglitfso. Cara amica, disse al» 
16ra la pigQ&tta di fAro ; nSn abbitte tim6re^ se- 
guftemi soltäntOy e saprd b^n lo dif£ndervi. La 
sda compägna ess^ndo perauisa da qu^sta sda pro- 
mdsaa ; tutte düe si pösero a seguire la corrtfnte 
del fitime : ma av^ano app^na navigito m^zzo mi- 
gUo^ che la törzA, stdssa delle tfnde gettö add^sso 
alla pignätta di t^rra, quella di f^rro^ che ridüsse 
r altra in trftoli. 

Morak. 

Prima d' intrapr^ndere una ctfBa bistfgna misu- 

rare le prdprie fdrze ; e sopratdtto bad&re a non 

farsi coropägno di chi ci i di m61to superidre ; 

perchi sov^nte la Idro intrinsich^zza ci nuJce« 

^^ E' m^glio tesere amfci da lontano, che neroici 

da prAso," 

2** 



18 

Pignatte, Pots ; ferro^ iron ; stanca, tired ; ri* 
manere, to remain ; cucina, kitchen ; propose^ 
propased; terra» earthenware; viaggiare^ to tra^ 
vel ; Ixrofpy altmg ; fiüme, river ; scorreva, 
ßowed ; prefiso» near; rispose, answered; me- 
nomo, theleast; intoppo, touch; andrei in pezzi, 
I shouldfall in pieces ; tenuta» obliged ; davvero^ 
in trutäj coore» courage; basti^ sußcient ; in- 
traprendere, ta undertake ; viaggio^ a voyage ; 
aqqua, water ^ seguire» tojhlloto ; soltanto» (mly; 
difendere» todefend; persuvLtia, persuaded ; tuUe 
doe, both ; %\ posero» began ; corrente^ the cur- 
rent; appeoa, scarcely; navigare» to sail; mezzo, 
halfi miglio, müe ; stessa^ itself; onde, tvaves; 
gettare^ to throw ; addosso, against ; ridusse^ re- 
duced : tritoli, in small pieces. — Prima» before ; 
bisogna, we must; misurare» to measure; le pro- 
prie forze, our own strength ; sopratutto» above 
all ; badare, to take care ; di chi, of one who ; 
c\j to US ; intrinsichezza» intimacy ; ci noce, in- 
jures US ; da lontauo» afar off*. 



XIII.— Zf' Asino e il süo Padrbne. 

Un äsino av^ndo a caso troy£to la p^e d'un 
Ledne» se la mise sul ddsso. Cosi travestfto ^gli 



19 

6c6rse le 8dve, e BpAne dappertütto lo spav^to ed 
il teitöre, e totte le bäve faggfvano al solo ve- 
d6rlo«;j!4: Dtfpo di avere spaventäte coA tutte k 
fi^re, scorg^ado il süö padr6ne Tdlle pure pro«» 
vire di atterirf rlo ;N|ma nön vi riusci : perchi il pa«- 
dröne esaminätolo un pöco, pr^dto si acctfrse delle 
sue bdle or^cchie ; e gli diaae : aniinaliccio ! che 
tu a^i } benchö tu aii veatito della pAle d' un 
L^one^ con tutto ci6 le tue or^cchie b^o dimö- 
strano che nön s^ altro che un Asino. \ 

Morate. 

Uno scideco si manif^sta s^mpre in quälche 
cÖBa, che lo r^nde ridlcolo agli <5cchi degli udmini 
di giudizio. 

** Chi nasce b^stia^ mudre b^stia/* 



V AainOy the Ass ; Padrone, Master ; a caao^ 
by Chance ; trovare^ toßndß miae, put ^ trave- 
stlto^ dieguised ; scorae, ran ; selve» forests ; 
aparae^ spread; dappertütto^ every whercß apa^ 
vento,yy^A/ ; belve, unkt beasts; fuggire^ to fiy j 
al aolo vederloy at seeing him only; dopo^ after ; / 
fiere, wild beasts ; acorgere, to perceive ; volle, 
he wished; pure, also ; provare, to try ; atter- 
rire, to fright j riuacire, to succeed; vi, in it ; 



20 

accorse, f^rceived; orecchie, ear$; animalaccio, 
blockhead ; j^estire, dress ; con tutto ci6, never* 
theless ; dimostrare^ /o «Aour«— Rendere, to render ; 
occhi^ eyes ; uomo^ man ; giudizip^ jtidgment ; 
cfai^ he who; nasce^ is bom; bestia, beiut; 
muore, dies. ^ - — ^ 

XIV.— / due Tori e le due Rane. 

Düe Tori, di smisuräta granddzza, combatt^vano 
in UD prato per una Giov^nca; una rana li vide da 
lungi, e si precipitd nelP acqua tutta spaventäta. 
Che cdsa^? Signora Rana, le disseuna süa anilca. 
Ohim^ ! care coinpägne nöi siäm perd6te— hd ve- 
düto düe Tori che combatt^vano— £ che c' impor- 
ta--- Cdnie ! n6n veddte vöi la disgräzia che ci 
sovrästa? — Che disgrazia?— C^sa pr^^me a noi, 
anche se si sbränano, la Idro sp^cie ess^ndo tanto 
differ^nte dalla n<5stra ? Qu^sto i v^ro rispöse V as- 
senndta rana; ma ndn riflett^te, che il vincitdre 
ndn permetterä al vinto di riman^re uel prato ; e 
che costr^tto di rifugiärai nelle ndstre palüdi, 
schiaccerä mille di ndi pdrere creattire, in un sol 
gidrno !•••••. 



31 



Mordle. 

I dAoli patiscono s^mpre delle dispute da 
Mrti. 

'' Disgr^a alle t^rre vicine al fiüme." 



Smiflurata, immense; gratidezTa, size; combat- 
tere, to fighJt ; giovenca» heifer ; vide, saw ; da 
^^^g^i from afar; precipitare, io precijritates 
spaventata, afiraid ; cosa i, what U the matter ; 
signora, lady ; ^chimi, alas; perdere» to lose; 
che c' importa, what matters; disgrazia, misfor" 
tune ; sovrasta^ threatens ; premere, to signify ; 
sbranare, to tear in pieces ; specie^ kmd; vero^ 
true; assennata, mse ; riflettere, to consider ; 
vincitore, congueror ; permettere, to permit ; 
nniOj conquered ; rimanere^ to remain; costretto, 
obliged; rifugiani, to take refiige ; palndi, 
marshes; schiaccia^ to crush; povere, poor; 
creature^ creatttre^^^Deboli, weak ; patiscono, 
Buffer; vicine, near. 



XV.— 7/ Pastöre e la Origgia. 

Un Pastdre, una vdlta cosl arringö la süa gr^- 
gui. Codirdi e imbecilli che v6i siete 1 diese äi 



22 

Montoni ; quändo da lungi scorg^te il lupo, im- 
mantin^nte vi mett^te a fuggire : State f(6rmi ; 
aspett&telo coraggiosam^nte ; qu^sto s61o baaterä 
p^r intiraorfre il iiemfco. I montöni, le p^core« 
ed anche gli agn^i, promlsero suUa Idro pardla 
d' on6re, non solo di riman^re intr^pidi nflle file, 
ma di diföndersi da bravi. M^utrestavano fac^ndo 
al pastöre queste b^lie prom^sse^ ^co un Lupo 
apparlre ; m'inginno ; non ^ra mica un Lupo : 
ma solo la süa ömbra; a tal vista^ tutti dim^nti- 
cano le fatte proin^se» e il 16ro vantäto cordg^^o; 
e la gr^ggia int^ra 81 dette alla fuga. 

JUorale. 

Gli udmini si conöscono äi fatti, e nön alle 
pardle. 

** Ledni ai d^tti, ai fatti conlgli." 



Pastore, ifo shepherd; greggia, ^ocA?; arringare, 
to harangue ; codardi, cowards ; imbecilli» weak ; 
montoni, ^IA# rams; scorgere, toperceive; lupo, 
wolf ; immanttnente, immediately ; metter, to 
put ; State fermi, stand firm ; aspettare, to wail 
for ; bastare, ta be enough j intimorire, to intt- 
midate ; nemico, enemy ; pecore, sheep ; agnelli, 
lambs ; promisero, promised ; file^ ranks ; da 



23 



bravi^ hravely ; apparire, to appear ; ingannare, 
to deceive ^)^\q9l^ at all; dimenticare, io/orget ; 
fatte, maae ; promesse^ promües; vantare, to 
boast; si dette alla fugai jffecf«— -Fatti^ deeds; detti^ 
words ; conigli, rabbiU. .yC 



XVI. — La Fölpe e la Cicdgna. 

La V61pe invitd a pranzo la süa amica la Cicö- 
gna, e le servi un piatto di pappa mdho Ifquida ! 
Coät^ col lungo stio b^cco app^na potdva assag- 
^lirla; ma intänto 1' astüta vdlpe la divord tutta 
in un b&tter d' 6cchio« La Cic6gi)a p^r vendicärsi 
diun' azi6he si viUäna, pdchi gidrni ddpo le mandd 
un cort^se invito ; e Uce portäre in tävola un ec- 
cell^nte cib^o^ contenüto in una bottlglia che ay^ 
un lunghlssimo cdllo. Via, Signora Vdipe, ndn 
fate cerimdnie, e servftevi conie se föste in casa 
vdstra. £ in qu^sto dire, incominci<5 a mangiäre 
con felicissimo appetfto. La Vdlpe non pot^ndo 
far altro che leccäre il di fudri della bottiglia, 
dovette ritirärsi tutta vergognösa e mor^ndo di 
&me. 

Morale e provtrbio. 

Chi ndn fa qua che &€j% 
; Quel cheüsp^tta non rjcdve« 



24 

Cicogna, Stork; invitare^ to invite; pranzo^ 
dinner ; amica^ friend; servire, to serve ; piatto, 
dish; pappa^ P<^P S costei, she ; becco, beak; 
appeua, scarcely ; assaggiare^ to taste; iatanto^ 
in the meanwhile ; astata^ cunning ; divorare, 
devour; batter d'occhio, ttoinkling of an eye; 
peTf/or; vendicare, torevenge; villana, villain' 
ous; pochi, A^y dopo, öfter; mandare, tosend; 
invito^ invitatiofi ; ciheo^ firicassee ; contenuto« 
contained; bottiglia^ bottle ; collo^ neck; via, 
now ; foste, were ; leccare, to lick ; fuori, out^ 
side ; dovette, was obliged ; ritirare, to retire ; 
tutta, quite; vergognosa, ashamed; morire, to 
die; di fame^ q/*Äti9^er.-~Deve^ ought; aspettare, 
io expect ; ricevere, to receive* 



XVII. — Jl Lupo e r Adno ammaläta. 

Un Asino ^ra assalfto da una fortiBsima f^bre^ 
un Lupo di eccellentissiino appetito^ (e quasi tutti 
lo hanno) sent^ndo qu^sta nutfva, andd in fi^tta a 
far visita al maläto, ma sfortunatam^nte per lu^ 
trovd la stalla chiüsa : ndn pertänto, egli picchid 
air uBcio: un Asin^Io^ flglio dell'ammaMto venne 
a ved^re chi fösse, e lo vlde al fovöre di una fes* 
süra nella ptfrta. Caro amfco, disse il Lupo, 



äprimi di grizia ; cöme sta il tüo ptf trero babbo ? 
sdno venüto a visitarlo ; ^ mio grande amlco, e 
mi pr^me mdlto sap^re cöme sta. Oh ! Oh ! m61- 
to tenüto, rispdse V AsinAlo ; ma egU 6ta forae 
m^glio ancöra di qud che sda Eccell^nza desidera. 

Morale, 

M61ti fanno vlsite agli ammaläti, le qu&Ii sdno 
p^r lo m^no, interesstfte^ quanto quäle delF Asino 
al Lupo. 

*^ Ognun p<^r se, DIo p<^r tutti." 



Ammalato, sick ; assalire, to be attack^d j feb» 
hrCy Jever; sentire, iQ hear s fretta^ haste; ma^ 
lato, sickj sfortunatamente, un/oriunatefy ; tro- 
vare, tofind; stalla, stable ; chiusa, shut ; non 
pertanto, nevertheless ; picchiare, to knock j uscio, 
door; asinello, a little ass ; fessura, creek ; aprire, 
to open ; di grazia^ pray ; babbo, papa ; preniere, 
to Cancern; sta, heis; tenuto, ohliged; forse, 
perhaps ; desiderare, to wish. — Meno, at least ; 
ognun, every one. 



26 



XVIII.— Xa Völpe e il C6n;o. 

Un Corvo appoUajäto 86pra un älbero, stävasi 
tranquillam^nte mangiändo un budn p^zzo di 
formäggio, che ten^va nel büo b^cco. Una V<$lpe 
strada fac^udo se ne acc^Jrse e fermätosegU davänti 
gli parlö in qu^sto modo. Budn di, Signdr Corvo^ 
öh.quävto siete Mio ! che budna cera che av^te, 
la vdstra vita e veram^nte leggiädra e disinvolta, 
le y6stre piüme impareggiäbili«— Davydro^ se 
av^ste inoltre una b^la voce sar^ste V ucedlo il 
piil compfto deir univ^rso. A qu^sto discdrso il 
C<$rvo ringalluzzändosi, volle fargli sentire che la 
EÜa voce ^ra armoni6sa ; aprl il b^cco, e lasciö 
cad^re il formdggio ; che V astuta vdlpe afferrö 
fiubiW dic^ndo : belUssimo Signdre ; pon^te in 
meate che s^mpre l'adulatöre vive alle sp^se di 
quello ch' egli adüla, 

Marale* 

Chi ti fa car^zze piii che non sudle, 
O t' ha ingannätOy ö ingannar ti vudle» 



Corvo, crotu; appollajare, to perchj albero, 
iree ; formaggio, cheese ; teuere, to hold; strada, 



27 

road ; accorse, perceive ; fermare, to stop ; da- 
vanti, before ; ciera, countenance ; vita, shape ; 
leggiadra, beautiful ; disinvolta^ yree; piume, 
featkers; impareggiabili^ titimtVaibfe ; inoltre, i6e- 
sides; uccello, Irird ; riDgalluzzare, to become 
proud;BSenb,caiught; adulare, toJlatter.^^Buole, 
is accustomed; ingannare, to deceitse; vuole^ will. 

XIX. — 11 Cane e il Coccodtillo. 

Un Cane^ con lingua pendtnte, vänne p^r rin- 
freacäre le aride läbbra ndle acque del Nilo* Ma 
tem^ndo di ^sser preso da qualche p^sce uio- 
strudao che b^qo in quäntitä in quel fiüme, ndn 
vAle fermärvasii ma lambiva Tacqua corr^ndo.- 
Quando ^cco un CoccodrfUo uscire dall' acqua : 
Amico 1 <5h 1 dimmi : perchi bA in tanta fr^tta ? d 
un p^zo che desf dero di far conosc^nza teco ; »e 
sull' onor mio ti sarö grato se vu^i ferniärti, ac- 
ciö ch* io t' abbräcci. Signor mio, vi sdn m61to 
obbUg&to rispöse il Cane : ma ^ appönto per ndn 
coQoscervi, ch' io s<5no cosl in fretta. 

Morale. 

Bistfgna s^mpre fuggfre la compagnfa d^i mai^ 
vigi e quäla d^i falsi amfci. 
" £ m^glio andar b<51o che mal accompagnäto." 

2» 



28 

Coccodrillo^ croQodile ; pendente, hanging; 
aride^ parcbed / labbra, lips ; pesce, ßsh ; mo* 
struoso^ tnomtrous; lambiva^ licked; comodo, 
running ; i un pezzo» iV is some Hme; grato, 
obliged; acciö, in arder; abbracciare, ^o em*- 
brace; appunto, exaotljf*^^voaÜY9i%\^ uricked; an- 
dare, togo. 



XX.~J7 CwrfsrÄo dÄ SorcL 

Un gatto vigUantlsaimo (quasi tutti lo sdno) 
stabilitOBi in un TA;chio abit&ro^ fac^va n^tte e 
gidrno, ispra gu^rra äi sorci. Ne av^va giä am- 
mazzäti molti, e»quä ch' 4rano avanzati dal 
mac^llo quasi pi& ndn ardivano uscire däi 16- 
ro bdchi, ed in ogni probabilitä vi sar^bbero 
indrii di fame. Quändo alQÜni da piü ddtti, pro- 
p6sero di adunärsi a consfglio, p^r deliberäre 
söpra ci6 che si avdsae da fire, affin di elitäre gli 
artigli di qu^sto gatto sterminatdre. In fatti; 
nel bäjo della ndtte si raänano. Ed ^co uno di 
^ssi 3 che con maestoso cont^gno, rizzätoisi sulle 
zämpe disse : Signöri^ cr^.do di aver troväto Y ü- 
nico e rafgliör m^zzo possibile per salvärci ; cio^ : 
bisögna attaccäre al cdllo del gätto un campanel- 
linoL • ..cosi sardmo s^mpre avverüti del söo 
arrlyo, e potr^mo facUm^nte m^tterci in sicurta. 



29 

Quf täcque^ e segui un br^ve bisbfglio di appläuai. 
Ma un v^cchio sörcio alldra sörse e disse : chi at* 
tacherä il campanelllno al c<fllo del gatto?,«,. 
Nessüno vdlle ihtrapr^ndere di attaccärlo, e il con- 
sfglio se ne andö in fdmo. 

Marale. 

II dar consfgli ndn 4 cdsa diSicile, ma la difB- 
coltä consiste, in mandärli ad effS&tto. 

'^ Mölti san consigliäre, p(5chi eseguire.'^ 



Consiglio^ Council; dei sorci, of mice ;g?Ltto, 

m 

cot ; Stabilire, to establish ; abituro, hut $ aspra, 

fierce; guerra, war; ammazzare, to kill; avan- 

zare, to remain ; maceilo, massacre; ardire, to 

dare; uscire, to go out; buchi, holes; dotti, 

leamed; fVOfoserOfpropose; adunare, to meet; 

deliberare, to consider; artigli, claws; stermina- 

tore, exterminator ; bujo, darkness; raunare, to 

assemble ; contegno, appearance; zsLmfe,paws; 

fiignori, gentlenien; salvare, to savc; attaccare, 

to attach ; campanellino, a little bell ; av vertire, 

to warn ; sicurtä, sa/ety ; tacque, he 'was silent ; 

bisbiglio, burst; sorse, rose; fumo, smoke.^^ 

Mandarli ad effettO| to put in practica 

3f«* ' 



30 



XXI.~Za Folpe e il Oaiio. 

Una Volpe e un gatto tütti e düe gran Fildsofi, 
viaggiävano insi^me : e strada fac^ndo^ fecero pa- 
r^cchie riflessioni veram^nte filosdfiche. Fra tutte 
le virtü morali, disse gravem^nte la ddtta völpe, 
p^r c^rto la misericdrdia ^ la piü sublime. Che 
ne dite amSco mlo ? Ndn hö io ragiöne ? Cerla- 
mdnte rispdse il Gatto letterato, ammiccando gli 
dcchi ; ndn v' ha niilla che conv^nga m^lio all' 
^ssere ragion^vole quänto la sensibilitä. Ma 
muntre i düe gran Fildsofi moralizzävano, e si 
lodävano a vic^nda p^r la loro savi^zza, e la pu- 
ritä dei l<5ro princlpj; giünsero pr^sso ad una 
Villa, ove un Gallo ringalluzzändosi, nobilm^nte 
passeggiäva söpra un m<5nte di letäme. A tal 
vlsta, il Slgn<5r Volpone dimenticando ogni mo^ 
rale^ cdrre di^ro al Gallo, lo arriva, e U divönu 
N^llo st^sso t^mpo, un s6rcio bdn grassdtto vo- 
l^ndo far capoUno fu acchiappäto dal Signor Micio» 
il quäle pure in quel punto dimenticö tutta la süa 
filosofia, 

Morak* 
Quasi tutti gli u^mini ragiönauo di moräle e di 



ai 

religi6ne, «ppure pochUaimi sdno gli utf mini vera- 
m^nte moräli, « religidsi. 

^^ Pr^ioa b^oe, e rdzzola male." 



Gatto, cati tutti e due, both; viaggiarej to 

travel ; strada facendo^ Walking; fecero^ ihey 

made ; parecchie^ many ; filosofiche, philosophi" 

cal ; d6lta, leamed ; per certo, certainly ; miseri- 

cordia, mercy ; che^ what ; letterato^ leamed; 

ammicare, to twinkle t Qon v' ha nulla^ there is 

nothing ; convenga, agrees ; essere^ being ; mo 

raliszare^ to morcUize ; lodare, to prcdse; a vi- 

ceDda^mu^ua//y;giunsero3 they arrivedj presse, 

near ; gallo, cocA; ringalluzzare, to be proud; 

passeggiare, to walk; letame, dunghill ; vista, 

sight ; dimenticare, to forget ; correre, to run ; 

dietro, behind; arrivare, toovertake; grassotto, 

fattened; far capolino, to spy through a hole; 

acchiappare, to catch; voicio^puss; pure, also; 

in quel punto, at that momeni. — Ragionare, to 

reason; predicare, topreach; razzolare, to act. 



XXII.-^Xa L^e e le Rone. 

Una L^pre riflett^ndo un gi6rno (perchi anche 
le L^pri riflAtono) qo^ iacominciö a dire : che 



32 

sciaguräta vita ^ la mia ?• .. .s^mpre in continui 
timörü. •• .certam^nte ndn saröbbe m^glio mö^* 
rire una völta che vfvere in uno stato mille 
völte peggidre d^ila mdrte st^ssa ? app^na av&i 
finito qu^sta süa riflessiöne che un zeffiretto 
scuöte alcüne fdglie ; 1' animdle intimorfto^ allo 
str^pito d^Ue föglie^ parte di vdio ; e ved^ndo an 
lago^ v' indirizzö i passi p^r terminäre una vita 
cosi iusoffribile. Ma avvicinändosi al lago un 
gran nämero di rane ch' ^rano sul lido^ si tuffä- 
rono neir äcqtte tutte atterrite al rumore della 
iJS^pre. Come ! Come 1 disse allora qu^sta fer- 
mändosi ; lo ! far paura agli altri ! b^n v^do ad^so 
ndn ^ssere la ndstra sp^cie la piü infelice fra gli 
animäli. 

MoraU. 

Spesso ci consideriämo cöme infelicissimi^ 
perch^ ndn badiänio alle sciagAre dei ndstri simili, 
i quäli sov^nte hänno piü ragiöne di nöi, di cr^- 
dersi infelici. 

^' Feiice chi mudre in fasce/' 



Lepre, hare ; rvLnefßrogs ; sciagurata^ unkappy ; 
iimoxi, fear ; zeffiretto, a little breeze ; scuotere, 
toshake; foglie, leaves ; intimorire, to terrify ; 
strepito, bustUng ; parte di volo, he set off in an 



88 

imsiani; lago, lake; indirimrei io dbreet^ ter« 
minare, io termmaie; intoftriinley imujffferaU» ; 
ay vicinare, to approaeh ; lido, barder ; toffikre, to 
plunge ; atterrire, io ierrify ; rumore^ nmse ; al- 
lora, ihen; specie, race. — Badare, io mind; in 
fescei cloai/ies. 



XXni.— // Cane vtcchio e il CaccuUöre. 

Un Caüe fedelfwimo (tatii i Cani Io a^o) avAi- 
do servito m61ti anni U a&o padröne, a cüi avdva 
dato B^mpre la magp6r soddisfazidne ; div^nne 
cagion^yole, tanto p^r ie fatiche, qaanto p^r la 
ada etä« Un giörno, che cöme al s^to aocom- 
pagnäva alla caccia il atio padröne, il quäle stava 
incalzändo un Cinghiäle di Bmisur&ta grand^zza ; il 
Cane inffrmo afferrö la bdva all' or^cchio, ma i d^* 
ti ess^ndo ormai divenuti d^boli e vacillänti, v^nqe 
costrAto di abbandonäre la pr^da, AUöra il Cac- 
ciatdre frem^ndo di ribbia, incominciiS a bittere 
il sommäigo animäle i e rimprovertodogU la süa 
debol&za come sua oölpa gli disae : va vf a aoi« 
maläccio^ non s^i piü budno a ni^nte. A qu^sto 
rimprdvero il Cane proromp^ndo in piänto gli ri* 
spöie» Caro Signor Padröne, avete dunque di« 
menücäto i aervlgi che vi hö xi%\ nella mfa gio^ 



34 

ventü ? Vi assicüro ehe ntfn ^ il coräggio che mi 
manca^ ma solo le förae« Non sdno piü .quelle 
ch' ^ra altrevdte appünto perchd hö invecchiäto 
serv^ndovi fedelm^nte. 

MorcUe. 

Qudsta fävola S il v^ro riträtto di qu^gli uömini 
sconsc^nti^ i quäU ndn dim^nticano mai la mini- 
ma o£Fi£8a, e pure si sc^rdano in an istänte di nulle 
servlgi. 

^ Non vi fu A bßlA scarpa che nön diventdsse 

brutta ciav&tta/' 



Cacciatore, huntsman; divenne, became; ca- 
gionevole^ infirm; etä, age; solito^ usual; ac- 
compagnare, to accompany ; caccia^ chase ; in*- 
calzare, ^ojDur^Ke; cinghiale, a wild boar ; af- 
feyrare^ to setze ; belva, wild beast ; orecchio, 
ear ; deboli, weak ; vacillanti, vacillating ; venne 
coatretto, was obliged ; fremere, to tremble ; 
battere^ to beat ; sommesso, submissive; limpro-* 
verare, to r&proach; colpa^ fault ; va via, go 
away ; animalaccio, t;t'fe om'ma/; prorompere, to 
burst ; in pianto, into tears ; resi^ rendered; 
gioventü, ^otiM ; assicurare, to assure; mancare^ 
tofail; altrevolte,/ormtfr/j^; appunto, /»rect^e/i^ ; 



85 

invecchiare, to become oJtf.-^Ritratto, pitture; 
scordare^ to f&i^et ; scarpa, shoe ; bnitta, ugly ; 
ciavatta, an old ihoe. 



XXIV. — // Lupa e la Cicögna. 

Un Lupo affiiinäto, e di piü ingordissinio^ avdva 
con tr^ppa aviditä inghiottlto una lacchdtta ; un 
dsBO acüto alle düe estrenütä gli ^ra rimästo flsso 
nella göla, il chfe p^r säamaggiör disgräzia gl' im- 
pedlva anche di chicere ajüto agli altri animäli. 
£gli si dimenäva con iutte le fdrze, allungäva il 
c^o, apriva la böcca^ ma inväno. Quando p^r 
BÜa budna Ventura la Signöra Cicdgna col süo 
Idngocdllo, pasBÖ a caso per quäla via. Che c($sa 
av^te Signor Lupo ? disse ^Ua : mi sembräte sof- 
frfre ; dltemi^ potr^i servirvi ? II Lupo inconta* 
n^nte le fece un c^nno per mosträrle che av(fa 
qualche cdsa di fis&o n^Ua gdla. Cost^ sdbito 
si apparecchia al lavdro, stend^ndo il süo c<511o ; e 
pdstolo näla göla del lupo ne cavö futfri V dsso. 
Dov' h la miaricomp^nsa dissa ^lla : la tüa ricom- 
p^nsa 1 la tda ricomp^nsal, .« .rispöse il Lupo 
tutto attdnito ; v6i scherzate Signöra mia ; come, 
xhön cred^te che sia mölto ch' io vi &bbia lasciäto 
tirar fudri la t^t» dalla mia göla I ingräta che 



si^te !• • . • per qu^sto vdlUi solamdnte vi per- 
döno^ e badite un' dtra v^ta a moetrirvi piik 
grata. 

Marale» 

Qu^sta 4 tutta la riconosc^za che un galan- 
tudmo ddve aspettäre da un ingräto: ma nön 
bisögna perciö tralasciäre^ di far löro del b^ne. 
'^ Passäto il perf colo gabbäto il Santo/' 



Lupo^ wolf; cicogna, stcrk; affisimata^ Amt- 
gry ; di pib, besides ; ingordissimoi very greedy ; 
inghiottire^ io awaUcw ; lacchetta, hauneh ; osso^ 
bane; acuto, sharp; rimasto, remainedj fisso, 
fixed; gola, throat ; il che, which; disgrazia, 
fnufortune ; impedire, toprevent; chiedere, ask; 
dimenare, to shake ; allangare, to streich j aprire, 
to cpen ; baona avventura, Kappiiy ; a caso, hy 
Chance; sembrare, to seem; soffirire, to muffet; 
ditemi, teil nie; potrei, can I; incontanente, 
immediately ; fece, made; moBtrare, to show ; 
difisso, fixed ; co9\Ai^ she (the stark); apparec- 
cbiare, to prepare ; lavoro, work ; stendere, er«- 
tend; ^^lo\Oy having put it ; cavare, todraw; 
fuori, out; attonito, astonished; schensare, to 



37 

joke ; lasciare^ to leij tirar fuori, toA« ou/.— Ga- 
lan tuomo, good man; tralasciare, Itave off*; peri- 
colo, danger ; gabbare, to deceive ; santo, saint. 

XXV.— X' ^shio che cambia Padröni. 

Sötto quäl astro infelfce sdno fo nato, dicdva 
un soniäro^ lagnäDdosi al sömmo Gi^ve 1 mi alzo 
prima delFaurdra, e anche prima del Gallo, e 
perchfe ? P^r port^lr cävoli al mercäto ; gran ne- 
cessitä Teramdnte, d' interrömpere il mf o ddlce 
sdnno 1 Oh 1 Gidve, v^di quanto sdno infelfce ! — 
Gidve mdsso alle süe dogliänze, gli d^tte un altro 
Padröne, e V äsino passö dal servlzio di un Giar- 
dini^re a quello di un conciatdr di p^li. II So* 
niäro b£n presto fu stäneo del cattlvo odöre, e del 
p^so estr^mo d^i cudj : Mi p^nto, dies' egli al- 
16ra, di aver lasciäto il mf o Padrdne ; perch^ al- 
m^no quändu voltiva la t^ta fo buscäva qualche 
fdglia di c&volo ; ma ad^so ndn busco altro che 
bastonäte. Egli cambiö di nudvo padr6ne, e di- 
v^nne, V äsino di un Carbonäjo : Ma ^cco nudvi 
lamenti. Cdme, disse allora Giove irritäto : quest' 
Asino mi da pid incomodo che tutta la sua razza 
insi^oie ; 6 vada dal stio primo padrdne, d sia con- 
t^nto del Carbonäjo. 

4 



38 

Marale. 

Quasi neseuno ^ mäi soddisfätto di quel che 
ha ; e spesso accäde, che qua che c^rcano con- 
tinuamente ad accr^scere le löro sostinze, cam- 
biindo mesti^e, si trdvano in fine mölto p^g^o 
di prima. 

^' Chi sta b^oe nön ai mudva«" 



Cambiare, to change ; sotto, underi quäl, 
what; astroy star ; infelice, unlucky ; nato, 
bom ; lagnare, to camplain ; flommoy greai ; 
Giove, Jupiter; alzare, to rise ; aurora, aurcra^ 
(sufi' risej ; primae before; portare, to carry ; ca* 
voll, cabbage ; mercato, market; sonno, sleep ; 
vedi^ seest; doglianze, complaints ; dettefgave; 
giardiniere, gardener ; conciator di pelli, ctirrier; 
odore, smell; cuoj^ leather ; pentire, torepent; 
voltare^ to tum ; buscare, catch ; bastonate, beat^ 
ing ; divenne^ became; carbonajo, coal^man; 
dk, gives ; incomodo» trouble ; razza, race ; 
vada, /«^Am jfo.— Accader^, to kappen; sostanze, 
wealth ; peggio, worse ; sta bene, or ben situato, 
wellplaced; muovere^ to move. 



39 



XXVI.— 77 Lupo e V Agakllo. 

(Jn Agn^lo stava bev^ndo n^Ile acque llmpide 
d' uu ruBcdlo» quändo un Lupo v^nne dallo stdsso 
lato, ma si pöse a b^re m61to piü alto di lüi. 
£ vol^ndo piglUrsela con questo innoc^nte AgDel- 
lino/gli disse con uno sguärdo bi^co; perch^ 
intorbidf sei tu T acqua ? II pdvero aga^Io Borprdso 
di un'accüsa cosi mal fondäta^ in voce ümile 
gli risp6se: Signöre^ cöme mäi pu6 cid Asere; 
lo non la capisco; giacchfe b^o m61to di s6tto 
a voi, r acqua vi^ne da vtfi a me, e perciö ndii 
pdsso intorbidf rla.-—Briccöne| rispöse ii Lupo; 
ad che %€\ m^si fa tu dic^sti male di me.— lo ndn 
^ra n&to ancöra. — Y\k dunque tdo fratdlo.*— 'Ndn 
ne h(5 suir ondr mio. — ^Dunque fxi täo Padre, 6 
tüa Madre e p^i so che la tüa maled^tta razza 
n(5n mi puö so£Frire ; in cosi dire si avventö sulF 
innoc^nte agn^lo, e lo sbran6. 

Marale. 

Quändo ia scellerat&:za e il potere si trdvano 
riuniti in an udmo malvägio^ s^mpre trdva scüse, 
e xxi€zz\ di opprfmere T innoc^nte. 

" Chi fdrza ha^ diritto ha/' 

4» 



40 

Agnello, lamb; stava beeiido^ wctö drinking ; 
tMSc^Xio, rivulet ; venne, came ; lato, aide; pose, 
begun ; alto^ high ; volere, to wish ; pigliarsela, to 
seek a quarrel ; sguardo, look ; bieco, savage ; 
intorbidisci, disturbest; capisco, understand; giac- 
ch^^ since ; beo, Idrinkj sotto, below ; viene, 
comes ; perciö, therefore ; intorbidire^ to trouble ; 
briccone, knave ; fa^ ago ; dicesti^ saidst ; nato 
bom; so^ /A720U;; maledetta, curs^e/; avventare, 
to dart ; sbranare, to devour. — ^ Scellerat^zza, 
ivickedness ; trovare^ toßnd; diritto, right. 



XXVII.— / düe Cavälli. 

Düe Cavälli si trovärono uii giörno vicino ad 
un bdsco ch^ ^ra assäi frequentato dai ladri. 
Uno, seguito da düe ö tre persdne almeno^ ^ra 
cärico d'ÖTO e d' arg^oto ; e F altro di alcüni säc- 
chi di farina, av^ 8Ölo in grdppa un mugnäjo. 
II prfmo camminändo pettorüto, e orgogliöso del- 
la 8üa sdnia) disse al secöndo : Vile s^rvo d'un 
mugnäjo, tdgliti dinänzi a me ; nön vedi tu^ ch' io 
pdrto un tesdro ? Un tesdro ! disse V altro, beäto 
voi. Pir me n6n ebbi mai tal onöre, e in vita 
mla ndn hö portäto mäi altro che farf na. Muntre 
i düe Cavälli ragionävano in tal mddo, ^cco in un 



41 

sdbito apparire mdlti I&dri, che attäccarono con 
ripetüti cölpi il caviUo cärico d' ^ro e d' arg^nto^ 
e lasciärono paasire qu^Uo, che ^ra cärico di 
farlna solamdnte« Amico, disse all6ra il cavällo 
del mugnajo, dov' ^ fta la tda ricch&sza ? Mi par 
che ad</s8o tu sii piü pdvero di me. Se cöme 
me, ndn avdsBi port4to altro che farina^ ntfn sa* 
r^8ti ad^sso^ n^ ferlto, n^ infelfce. 

Morale. 

E difficile il manten^rsi in un p<$sto brillante 
ed eleväto \ e sov^nte quella Btessa elevaziöne, 
ci r^nde p^i infelici tutta la ndstra vita. Fe* 
Ifce ! coldi che ess^ndo fornlto di suffici^nti 
Bostänze per vfvere onoratam^nte^ non ^ tormen- 
täto da alcdna vana gldria. 

^^ Chi ^ piiü grande^ piü ha da tem^re/' 



Cavalli, horses ^ bosco^ taood; assai, much; 
ladri^ thieves ; Beguire^ to foUow ß almeno, at 
least; carico^ loadedj argento^ rilver ; sacchi, 
sacks; funnUfßaur; gropp'd, crupper ; mugnajo, 
milkr; pettoruto^ uprightly ; soma, bürden; 
togliti dinanzi a me, go out of my way ; beato, 
happy ; tal modo, in this manner / subito, instant ; 

4*» 



42 

ripetere, redouble ; colpi^ blows ; allora, t/ien; 
dove, where ; ita, (from ire) to go, gone ; mi pare, 
it seems to me; ferito, fi;ot<nd^d.— »Sovente, ofteii ; 
poi, aftenoards ; temerc, y3?ar. 



XXVIII.— £e Rone che chi^dono un Re. 

Le Rane god^vano ndle löro palAdi, la liberta 
la piü illimitäta« Ma fiualm^nte si tediärono del 
löro stato, e pregärono Gidve di dar 16ro un Re 
p6r governärlev II Dio fece cad^re dalle nüvole 
un travic^llo, che fece un tal fracässo cad^ndo 
neir äcqua^ che le pdvere rane, naturalm^nte 
paurdse^ ne fürono tanto atterrite, che rimäsero 
gran t^mpo nascöste fra le caune^ e p6r mdlti 
giörni non ardiranno riguardare 11 Idro Re. Fi- 
nalm^nte una un pd* piü ardlta d^ile altre, pöse 
pian pianino 11 capo fudr dell' äcqua, per vedere 
cdsa faceva 11 nudvo Re. Parecchie la segulrono 
tremäudo, e st^ttero alquänto a bada^ prima di 
avvicinärsi al Monarcha j incoragglte finalmente 
dalla süa inattivitä, dimenticärono presto il ti* 
möre, ed insi^me il risp^tto^ che av^va inspiräto 
Idro. E tutte alldra per ischernfre il budn Sovräno 
8i pösero a ealtärvi sdpra« 

Ciö fatto, incominciärono a lagnärsi a Gidve ^ 



43 

domandändogli un Re che avdsse piü spirito e 
piu attivitä, e che nön fösse cosi stdlto^ cöine 
qudllo che avda mandäto löro p£r governärle. 

Gidve alldra mandö Idro un' Idra, che in grau 
fretta si mise a divorärle« Dio budno ! Dlo 
potente ! dissero allöra le Rane : che Tiränno ^ 
qu^Btomai !• .Oh! Gidve abbi pietä di nöi, tue 
pdvere creatüre ! e se la ndstra razza ti i cara^ 
richiäma quest' Idra e dacci un altro Re. Cdme ! 
disse Gidve, animaläcci che siete^ ndn sarete 
dunque mai soddisfätte ? se f6ste rimäste nel 
vöstro stato primftivo, questo nou vi sarebbe 
accadüto ; e giacch^ il primo Re che ^ra budno, 
dolce e tranquillo, ndn vi convi^ne^ conservate 
r ultimo^ p^r timdre di trovirne ancöra uno 
peggidre cambiändo. 

Mörale. 

JLf' istdria ci fornlsce un' infiuitä di esdmpj, di 
padsi che, vol^ndo cambi&r gov^rno, ddpo molto 
sängue sparso, e ddpo aver soS^rlo gravlssime 
calamitä, hanno finalmtfnte dovüto sottom^ttersi 
ad un gov^rno piü tirännico del primo. 

" RAta come bA se non vudi star p^ggio." 



44 

Chi^dere, totisk; re, king ; godere, toenjoy; 
illiaiitata, unlimited; tediare^ to fire ; fece, caused; 
cadere, to feUl; travicello, small beam; fece, 
made ; f racasao, noise ; pemrosef fearful ; atterrire, 
temfy ; limasero^ remained ; Dascoste, concealed ; 
eaone, reeds ; ardire, to dare ; riguardare, to look 
agaifi ; piü ardita^ bolder; pose, püt; piän 
piatrino, softfy ; fuor, out; redete, see; parecchie^ 
sefferirt; Beguire^ to foliow; stettero alqaanto a 
bada^ remained a little to watch ; ayvicinare, to 
approach ; incoraggire, encourage; dimenticare, 
toforget; insieme, ^o^eMer ; schermire ; toridi- 
cule ; saltare, j^f^P ; sopra, upon ; iDCominciare, 
to begin ; lagnare, to complain ; stolto, foolish ; 
mandäre« io send; idra, hydra; in gran fretta, 
very qtiickly ; si xm^e^begun ; fotente^powerßil ; 
dissero, said; ricbiamare, torecall; dacci, give 
US; nmeistef remained ; conviene, suits ; con^et' 
vare^ keep ; ultimo, last ; cangiare, to change.^^ 
Paesi, countries ; sparso, spread; calamitä m»- 
fortunes; sottomettere, to submit; resta, remain* 



XXIX. — h* sJsinOy la Scimta, e la Talpa, 

U Asino e la Sclmia, stävano un gidrno di* 
scorr^ndo insi^oie, innänzi di una Talpa, dell' 



45 

infelice 16ro stito. L'Aslno il prinio comincid^ 
con vdce doi^üte ma fortfssima^ a lagnärsi di 
n^n aver c<5rna p^r dif^ndersi ; e la Sclmia quasi 
piang^ndo, niolto si ddlse di ^sser s^nza c6da. 
Quändo una Tälpa sent^do il 16ro discörso 
disse : Tacdte ; b^stie sconosc^nti : giacch^ se io 
pdvera Talpa che nön ci v^do affitto ndn mi 
lägno, ndn tdcca a vdi a lagnärvi ; voi» il di 
cüi stäto d assäi piü fellce del nifo. 

Morale. 

Se volg6ssimo gli dcchi indi^tro, sov^ate inv^ce 
di lagnärci, troverdmmo nello stato st^aso del 
quäle siämo Bcont^nti, motlvi di runder gräzie 
al Ci<^io. 

*^ Prima di lagnärti, esämina il tüo vicfno/' 



Scftnia, ape ; talpa« mole; di, day ; discorrere, 
to reason; innanzi, befare; stato, condition ; 
dolente, sorrawful; fortiasima, very strong; corna, 
homs ; si dolse, complained ; vedere, to see ; af- 
fattOj atall; iocciXj belongs ; volgere, tum; in- 
torno, around; invece, instead; trovare, find; 
scontenti^ dUsatisfied ; rendere, to retum ; grazie, 
t/umks ; cielo, heaven ; lagnare, to complain* 



46 
XXX.— // Bißleo ed % m(A FigU. 

Un pdvero Bifölco ved^ndosi vicino a morire, 
e consideräudo che ndn av^va altro da lasciäre 
alla sua famiglia, compdsta di quattro figli^ che 
un picciolo podere; pensö cöme procurirQ che 
pot^ssero procacciärsi il löro pane, ddpo la säa 
mdrte. A qu^sto fine ; li face venire pr^sso del 
süo l^tto, e incominciö cosl a parlar loro. Cari 
figli, disse ; tutto ciö ch' io con le mle fatiche 
hö potüio risparmiäre näla mia lünga e pendsa 
vita, tütto r hd nascdsto nel ndstro cämpo ; cer- 
cäte il tesdro ddpo la mia mdrte, e lo trover6te 
certamdnte. II V^cchio pädre in fatti möii pdchi 
giömi ddpo ; ed i figli incontanftnte pr^ero delle 
zappe, e con grandfssimo arddre si pdsero a 
lavoräre; ricercändo dappertutto, ma in väno, 
il nascdsto tesdro. Egli ^ vdro che ndn trovä* 
rono la sdmma di denäro che aspettävano^ ma 
il löro campo 6ra stato cosl b^n coltiv&to, e la 
t^rra tante vdlte mdssa e rimdssa, che prodüsae 
una si gran quantitä di grano^ che fdrono pie- 
nam^nte ricompensäti delle löro fatiche. 

Morale. 

Qu^sta fävola ci dimöstra che coli' applicaziöne 
e con la perseveranza nel lavöro^ si pdssono ot- 



47 

ten^re le ricchezze, che la fortüna ci ha ricusäte 
alla ndstra näscita, 

<' JEf ricco Chi h industriÖBo/' 



Bifolco^ ploughman ; figli, sans ; vicino^ near ; 
altro, other thing; lasciare, leave ; quattro, /btir ; 
figli, ckUdren; podere, /arm; fen^JBLve, to think ; 
procarare, to manage ; procacciare^ to gain ; fine^ 
^end; let&o^ bed; fatiche, labours ; risparmiare, 
to save / penosa, labarious ; uascosto^ hidden ; 
campoyfieid ; presero, took; zippe, spades; mosso^ 
moved; dimostrare^ to $how ; ricusare^ to deny ; 
nascita, birth. 



XXXI. — La Mösca e la Formica. 

La Mdsca e la Formlca disputivano con gran 
calore insi^me^ p^r sap^re quäle delle düe löro 
condiziöni fÖBse la piü feifce e la migliöre. La 
Mdsca la priina^ disse : Vile animaläccio che tu 
8^i ; s^mpre strfsci sulla t^rra ; come ! ardisci tu 
paragonär la tua condizi6ne alla mia? tu^ che 
s^i costr^tta di lavoräre per vlvere, e che nön 
v^di mal altra societä se ndn quella ddi miseribili 
bifdlchi !. .Sintimi e vedräi se hö ragiöne di cr^- 



48 

dermi mölto piü nobile di te« lo v61o in gaisa 
di ucc^Io ; dimoro nä paläzzi dei piü pot^oti 
Monarch! ; ^ntro n^i tempj« e mi ripdso sul capo 
sacräto di Gidve ö di Marte ; sdno a parte d^lle 
piü magnf ficbe f^ste ; mi nudrisco delle piü d^ii- 
cäte vivände preparäte per la tävola dei Re 3 ed 
assäggio i piü stimati vini. In somma io vivo 
s^nza lavoräre^ e gddo di tutti i piac^ri, e di 
tutti gli on6ri della vita. Dimoii ad^fiso^ plccolo 
aniiual^tto, pu^i tu vantärti di cdsa alcuna di 
sfmile ? La Formlca rispöse : Animale sup^rbo ! 
dunque si pr^to bäi dimenticäto i tu^i bassi 
iiatäli ? tu vdli ad^sso, d vdro ; ma pdco fa, tu 
ancdra strisciävi sulla t^rra. £ pdi ndn ti ver- 
gögni di vantärmi la tua vita !• .tu cbe vi vi neir 
<5zio, e a dänno altrüi ! si^ io te lo predico, tu 
morräi di fame un di. Io ndn n^go cbe v6i mösche 
andäte nei paläzzi dei Re ; ma ne si^te s^mpre 
cacciäte via^ e sp^sso la v^stra imprud^nza vi 
cdsta la vita. Io p^r me vivo piü modestamente, 
e lav6ro quando i tempo, p^r potdr d^po god^rmi 
il frätto d^lle mie fatlcbe. Asp^ta Tinv^rno, 
e allöra si vedrä cbi di noi düe avrä ragione di 
^sser cont^ta della sda sMe. . . .Ma cbe dico ? 
oim^! saräi giä mdrta di fame, di fr^ddo e di 
mis^ria. 



Marale. 

Ndn bisogna imnu^iDirai che tutti :quä che 
vfvono. in appar^iza neU' abbond&nza si^no i piü 
fdfci» 6 i piü ricchi; ma adno spiSsso, comfs 
qu^8ta fävok chiaramente il dimd^tnii tutto il 
contrario. 

^ " N^n i öio tutto quel che rilüce." 



Mo8ca,^y / formica, ant$ strisciare^ io creep ; 
paragonare, to compare; a guisa, like ; Marte, 
Mars; uudrire, nourish; vivande^ meats; assag- 
giare, to taste; somma, Short ; puoi» canst thou ; 
ozio, idleness; danno^ injury ; cacciare^ /o c/rit;« 
atoayj inverno, tvinter ; riluce, shines. 



1 1 H l « *i 11» »Ol. I m ,1 II,« II i l 



XXXIL— iZ S6rcio e V Östrica. 

Un S<5rcio scapestrdto, anche fra i sorci vi 
son mölti di costöro^" annoj A to di vlvere nella 
solitüdine, 81 ficco in t^ta di far U giro del 
mdndo ; aveva app^na Bcöno d6e miglia, quändo 
incoQiinci^ ad esdamäre: Öh.quanto .^ lüngo 
e largo qu^sto möndo ! Ma ^co : che v^dp le 
Alpi ; ed ^cco appünto un pd* piü in Ü^ i Piren^« 

5 



50 

Ogoi mücchio di t^rra purdva una gran mont^na 
al nöstro mggiatöre. Finalm^nte ddpo par^chi 
giörni di vi^gio, il Sörcio giünse al mare ; ove 
vlde quantitä di Estriche che a prfma vfsta si 
credette che fossero vasc^li. Accädde che fra 
tante Estriche tütte chiüse, una perd ^ra ap^rta : 
ob ! öh\ che cdsa ^ qudato ? disse il sörcio guar- 
dindola ; se DÖn m' ingänno^ avrd qui un saporf to 
pränzo. In qu^sto dire si avvicinäva ; ed allung^to 
il cöllo, pdse la i^sta neu' dstrica, la quäle es» 
fi^ndosi chiüsa immanün^nte, il S<5rcio vi rimäse 
preso. 

Alorale. 

Qu^i che nöa hinno esperi^nza sdno abbagliiti 
alla m^nonia c^sa : e perche nön pr^ndono con- 
slglio da chi sä, e vdgliono seguirla 16ro fantasla^ 
81 trdvano sov^nte in perlcolo^ e quasi s^oipre 
vi soggiäcciono. 

" Sp^ssü men sa chi trdppo intÄider vudle." 



SoTcio, mouse; ostrica, oj/Ä/er; scapestrato, tm- 
ruly; di costoro, ofihem; annojare, to tire; ficcam 
in testa, to take into the head ; giro, tour ; scorso^ 
passed over ; miglia, miles ; esclamare, exclaim ; 
Alpi, Jlps; Pirenei, Pyrenees; mucchio, heap^ 



▼iaggiatore, traveller; parecchi, several; gtunse, 
arrived ; vascelli, ihips ; accaddei happened ; tante^ 
so many ; chiuse^ shui ; aperta, opened; guardare, 
tolooA; ingannare, to deceive; pranzo, dinner; 
awicinare, to approacA^ allungare, to Stretch; 
pose, put; riinase, remained; preso^ caught ; 
abbagliare, to dazzle; prendere, to take; sog* 
fpiaceref to yield ; meno, less ; troppo, toomuch. 



XXXIII. — L' jisino, il Leone, e il Gallo. 

Un isino stava tranquillamdnte sdrajäto in un 
prato (gli isini adno naturalm^nte pigri) quändo 
un Leone v^nne p^r divorärlo. Ma un Gallo 
prAso di Idi si pdse a cantäre, e incontan^nte 
il Le6ne, giacch^ queir animäle non pud sop- 
portäre il cänto del Gallo, si pose a fugglre. 
L* ifiinOy da scidcco, cred^ndo che il Leone avefise 
timöre di linif iocomincid ad inseguirlo, e a r(ig- 
jfhiire oon tutta la sda förza. Ma quändo il 
Ledne fn assäi lontäno dal Gallo p^r ndn sentirlo 
piti, si viflse indi^ro ed avventätosi suU' äsino 
lo abrand. Alldra V Asino nior^ndo diese : Oh 
8t61to che sdnol—perch^ h4 voldto io fare il 
hravo ; io, che sön nato s^nza coraggio, e s^^ 

f6rza? 

6* 



52 



MordU^ 



Mditi per söU aciocch&za e vanitä^.si e8pdng07 
no a' pericoli dai quali nön p&spno p^l salv^}^ 
e che s^no Btati ^glino at&si a cercäfe. 

'^ N6n destire U can che d^rme/' 



' S^M^Bilü^ laid^UfiMkngtk; prato, mtadow; 
pigri^ idle; presao, near ; pu6, eannot; sopportare, 
endure ;' sciocoo, fool / timorei Jiars' ineegiiire, 
to purme; ragghiare, to bray; volse, tumed; 
ävventarsi, to dart; stolto, fool ; sciocchezza^ybj- 
fy ; esporrey to expose ; possono, eannot ; salvare, 
ionave ; dormire, to sieep. 



XXXIV« — L* ütmo attemp&toeledüelnnamorate* 

■ Un VLÖma attempdto, i di cfn neci cap^Ui> in^ 
cominciit'ano a biancheggi&re in mdlti lu^gbj^ 
pensd seriam^te ad^ccasärsL £gli n<$niCeEöaKa 
iniqo^atoil denfcro^ giacehfe 4m Mi provveddiq 
dl b^oi di fortdnaj ma cercava solam^ntei una 
butfna^möglie. Essteido riceo^.ixuSte si. preseio^ 
ttffono; nia:^lt vol^a sc^gliere per tiiodre dün?» 
conträr male, e in ci^ ^ra mdlto prud^nte. In 



AS 

una cäsa ch' egli frequentiva, v' incontrtf appunto 

düe ddnne ch^ dimor&vano itisi^me, e siccome 

gU pi&cquero ambedtie, risolvette di sc^gliere 

p^r mdglie una di qu^ste dde dtfnne« L'una 

Am giövine e dUinvc^lta, e V altra bench^ un pd' 

vecchi^tta ^ra ptrö di aggradevolfssimo umdre« 

Le düe amfche fac^rano ögni löro sföno p^r com- 

piacdrlo iu tutti i sutfi deaid^jj. Un di, mentre 

«t&vano acconciando i sudi capdlli, la piiü giövane 

accidcchä non comparisse cosl v^*chio, sv^se 

tutti i cap^lli biänchi, e l' altra d^nna tutti i 

n^ri, dimödoch^ il hA zerbin^tto rimäse cälvo» 

— Grftzie infiuf te, carf ne mie, diase alldra V nömo 

attempito; bench^ io ibbia perd6to i mifi cap^IU 

pur mi riguärdo c6tne fortunato ; giacch^ adAso 

nön hö piA vdglia di maritirmi« £ percb^ ? dfs- 

sero le ddnne : perch^ ^ cbi&ro dalla v^stra con- 

d6tta, che se mi ammogliissi, avr^ da segufre 

il vdstro Capriccio e non il mio, e che forse 

ndn Bar^ste mal cont^nte. 

Marale* 

A quasi la maggidr parte delle diJnne puo ap- 
pKcirsi il prov^bio segu^nte« 

^^ AI moUno e alla spdsa 

** S^mpre m£nca qualche cdsa. 

5*» 



54 

Üomo, man ; attempato^ oUt ; itmamorate, mt9- 
tfess; neri,' black; capelH, hairs ; biancbeggiare, 
to tnm white ; luoghi, plaees; aecäsarsi^io be mar^ 
ried ; denaro, maney ; moglie, wife ; scegfiere^ to 
choose ; disinvolta, unaffecttd ; vecchietta, rather 
old ; aggradevolissiino umore, vcry good humaur ; 
sfdrzo, effbrt; acconciare^ to arrange; acciocchi, 
in Order to ; comparire, to appear; svelse, puHed 

• 

out : zefbinotto^ beau ; calvo, bald ; carina, my 
little dear ; ammogliarsi, to marry ; molino^ tmU. 



XXXV.— Jto i^mnriäre e V Uccellatore. 

Uno Sparvi^ro dava cäccia ad un Picciöne, e 
quasi al pünto che stäva p£r raggiügnerlo, cadde 
n^Ue r^ti t^se da un Uccellatore. Ved^ndosi 
pr^so f^ce molte istinze pr^so deir Uccellatore, 
acciocch^ gli d^se di nudvo la libertä« ö che 
alm^o lo lasciässe in vfta. Carf ssimo Signore, 
disse r ucc^llo : io n^n h<5 m£i fatto male n^ a 
voi^ nS a nessüno della vöstra razza ; percid io 
sptro che n<$n me ne fardtea me. Bravo l riapöse 
r Uccellatdre : che c^sa tt av6va fatto qoel ptf f furo 
picci6ne ? tu vedi amico, che le t&e preghi^ 
appünto ti condinna^o. Cid d6|to^ lo ucclse« 



66 



Morale. 



Nulla di piü giüsto di qudlla legge naturale ; di 
ndn fare agli ältri quel che ndn vorremmo che 
ci fdsse fätto. 

Chi la fa, raspAli/' 



Sparviere, Aatc^A:; Uccellatore,£tr£/c(i^cAer; dava 
caccia, waspursuing ; piccione, pigeon ; al punto, 
at thepoint ; raggiungere, to overtake; reti^ nets ; 
tcse, spread; istanze, intreaties ; desse, might 
give ; uccise, killed ; legge, law ; vorremmo, we 
woutd. 



XXXVI.— Xa Fölpe e il B6cco. 

Una Völpe che stava vicina di un pozzo, ten- 
tändo di pr^ndere c^rte b^le aränce, sali sdpra 
un älbero che ^ra accänto, ma per 8Üa disgr&zia 
cadde d^ntro quel p6zzo. Siccome ^ra assai pro- 
föndo, tem^va di nön potdrne piü usclre, quando 
un B^cco che ivi passäva, mdsso dalla curiosita, 
v^nne per ved^re se vi fösse dell' acqua; e 
ved^ndo la Vdlpe le disse ; dlmmi ^ V acqua bu<5na ? 
dh ! eccelUnte dawdro^ lo p£r me non b6 qnando 



66 

ne 8ar<} 8at6Ua, vi^n pit pr^to caro amf co, perchfe 
9Ön sic&ro che ndn hai bevüto mai äcqua sl pura 
in Tita tüa. A116ra il B^cco, saltd a basso. Ma la 
V61pe preval^ndosi del süo arrivo sali su le 
süe cdrna, e balzd fuöri del pozzo in un mom^ntOj 
lasciändovi il p^vero B^cco. In s^guito gli parlo 
in questo mddo : Amioo, se av^&ri avuto tanto 
budn giudfzio quänto hü bdla barba, n^n sar^sti 
certam^nte sc^so in questo pözzo s^nza prima 
pensäre ai m^zzi di uscirne. 

Marale* 

Prima d' intrapr^ndere una cdsa, bisögna rifl^t- 
tervi söpra, 

" Biüe pardle, e cattlvi fatti" 
*^. Ingännano savj e matti/* 



Becco^ he-goat; pozzo, well; tentare, to iry ; 
arance, oranges ; salire, to mount ; accanto, near ; 
satoUa, saiiated; giü, dotvn ; bevere, io drink ; 
saltare, tojump; p^evalere, to take advantage ; 
balzare, to bound ; barba, beard ; sceso, descendeä ; 
savj, wise ; msXiXy fools. 



67 

XXXVII.-.£a Latt^a « t7 Foto del LatU. 

Una Lattija, con un vaso pi^n di latte sulla 
t^sta, se ne andäva allegram^iite al mercito, e fra 
86 pensäva al prod6tto del süo latte. Otto mez* 
z^tte a tre sdldi V unaj fänno appünto ventiquat- 
tro s^di^ con v^ntriquattro ä(51di, io pdsso com- 
pr&re la piü b^a gaüina che si sia m£i vista» 
Qu^sta gallina farä delle udva: queste u<}va mi 
daränno dei pulclni, che potrtf facilm^nte nudrfre 
nel cortf le della mia casa. AI mercäto ptfi venderd 
i pulclni, e con quella sömma comprerd un bA 
vestito di colör,,,,8], di color rÖBSO^ perchi il 
rössö mi sta benfäsimo ; all6ra c^rto udn mi man* 
cheränno amorösi; ed io fac^ndo la ritros^tta 
s^nza neppür rispöndere, dird löro di ntf» muov^ndo 
la t^ta. Ma la Lattäja facdndo Tatto con la 
t^ta, gettd a t^rra il vaso del latte ; ed all6ra la 
y^te rössa, gli amänti^ la gallf na, le udva ed i pul- 
cini, tutto andd in malöra. 

Moraie. 

Gli udmini» anche i piü assennäti, sp&so b' im- 
miginano bdle ctfse; ^ un^ deboltesa apparte- 
n^nte all' nmanitä» e il vaso del latte ne ^ il v^o 
embli^ma. 

<< Far b^i castdli in äria.'' 



Lättaja, milk^maid ; vaso, vessel ; latte, milk ; 
se ne andava, wcts going ; MegvBmentejjoyi/ully ; 
prodotto, produce ; otto, eight ; mezzettejl mea^ 
sures i soldi, pence; l'una, each; uora, eggs ; 
pulcini, chickens ; cortile, yard ; rosso, red ; amo- 
rosi, lovers; ritrosetta, Utile peerisA.— Assen- 
nati^ muchsense; appartenente, belonging. 



XXXVin.— // S&rcio e il Camm^llo. 

Un Camm^lo di smisuräta grand^zza, e fdrse il 
piü bAlo che si fosse mai veduto nell' Aräbia, an- 
däva lentam^nte cammin^ndo, a trav^rso di un 
b<5rgo. Un Sdrcio fiic^ndo capolino di sötto alla 
pdrta di un granäjo, rimäse quasi stupefätto dalla 
sorpr^sa, ved^ndo tanta g^nte adunäta p^r amnii- 
rare il Camm^lo, — lo cr^do che slano mätti, disse 
il Signor Sörcio : che mäi vi ^dunque di si straor- 
dinärio in un animäle cosl pesante ! Ha il c^Uo 
trdppo lungOy la t^ta tr^ppo pf ecola, le or^cchie 
cortfssime, e anche una g<%ba sul d<}s8o. lo mi 
vergögno della sciocch^zza di tanü st61ti L • . .Mi 
par che s^nza vanitä, io pössa vantänni di avere 
un cdrpo un pdco m^glio proporzionäto del sAo. 
In fatti, n^n h^ fo la p^le piü unfta e piü liscia ? 
Imiä <$cchie le mie orecchie, n^n 8^no esse in 



59 

perfettissima proporziöoe col mio ctfrpo ? In Bom« 
ma, io sdno una niaravfglia del moodo 1 eppüre gU 
udmini (quanto »öno ingitisti il piü delle vdite) nSn 
c^rcano che la niia roviua, e quella di tutta la mia 
bdla razza. II S6rcio avr^bbe ancöra est^so, il &6o 
.panegirico ina un gatio che lo vlde; in uo m^zzo mi- 
QÜto gli provd che un S^rcio non ^un Camm^o. 

Morale* 

Sp^SBo si rede nel mdndo, che qu^i che hänno 
meno il diritto di pret^ndere agli onöri e agU 
avanzam^nti, quasi s^mpre si lägnano che ntfn 
gli si ^ stata fatta giustlzia, 
" La peggi6r rudta del carro fa maggiöre str^pito,^ 



CammellOi Camel ; borgo» suburb ; granajo, 
granarjf ; adunaia, assembled ; pesante, heavy ; 
collo, neck; gobba, hump; vergognarsi, to be 
üshamed; unita^ smooth ; liscia, glossy; rovinaj 
^in ; esteso^ /et/^M^ee/.— Lagnarsi, to complain. 



XXXIX.— // Ragno e ü Baco da siia. 

Un Ragno stava occupatlssimo fac^ndo una 
lunghissinia t^la che giung^va da un lato dell' 
Appartam^nto all' altro ; quando un Baco da s^ta 



60 

gli domandd, perchfe impiegSva tanto t^mpo e 
tanto lavöro, per &re un A gran nümero di 
linee e di c^rchi. Taci, ignorante ins^tto, rispöse 
il Ragno furibdado: bada a n^n incomodärmi 
piili cdlle tue doinände; perchi io lavdro pA 
trainandäre il tnio ndme ai pdsteri, e la ftma 
6 r ünico ogg^to d^lle mie &tfche. Io n^n s^no 
matto come tu s^ ; e ntfn mi chiüdo come tu 
£ai in un b<}zzoIo, p^r ivi pdi morirvi di fame. 
Ma ^cco che muntre il dotto Ragno staragion&ndo 
con tanto splrito, una s^rva che portäva fdglie 
di mÖTo pSl Baco da s^ta, entrindo n^lla cämera^ 
accdrtasi del lavöro del rägno, con un cölpo di 
scdpa diBtrdsse in un ist^sso t^mpo, il RdgQO^ 
il 8&0 lavoro^ e le sue b^lle speränze, 

Marale. 

E c^a asBai generale d' incontr&re di queUi 
che dispr^ano le dpere degli altri, le quali 
sdno di grandlssima utilitä, muntre esältano le 
Idro, che nön eslstono che pdco t^mpo. 
" V^nder Iticciole p^r lant^me/' 



Ragno, sfüjäer ; baco da seta, sUkworm ; tela, 
web ; giungere, to reach ; lato, side ; linee, /titet ; 



61 

cerchj, circles ; furibondo, furious ; tramandare^ 
to transmit ; ^o^texiy posierity ; bozzolo, ball; 
foglie, leaves ; di moro, o/mti/Äcny ;accorta8i, 
pereeived; scopa, broom ; lucciole, fire-flies* 



XL, — II Mugnäjo, aüo Figlio e F ^sino. 

Un Mugnäjo^ camminändo col süo figlio, andäva 
a v^ndere un Asino ad una fi^ra^ la quäle facdvasi 
pdco distänte dalla süa casa. Accid i' Asino fdsse 
fr^sco e sn^llo al suo arrivo, gli legärono i pi^di ; 
e attaccätolo ad una pMica, lo portavano cosi 
sosp^so sulle Idro spälle. II prlmo che li vlde, 
si smascelld dalie risa ; Amlco, ma ddve si vide 
mal sltnil sciocch^zza ? portäre un Asino !.. II 
Mugnäjo vergognätosene, av^ndo sciölto i pi^di 
deir Asino, vi fece sallre süo flglio, e continud 
il s6o cammfno. 

Pdco ddpo inconträrono alcüni, che ndn pot^- 
vano sofferfre dl veddre il ffglio, sdpra T Asino e 
il pdvero v^cchio padre seguirlo a pi^di. Che 
vergdgna, dfssero ; veddre il figlio giövane e 
robüsto, sedüto sdpra 1' Asino, muntre il budn 
padre di avanzäta etä, ^ costrdtto di viaggiäre 
a pi^di. Sign6ri, disse il Mugnäjo; saränno 
serviti in un mom^nto^ e ndlo st^sso t^mpo 

6 



62 

asc^so sul somäro f^ce cammindre suo figlio. 
Un pdco piü luD^^ 8i trovärono altri che si 
raaravigliärono di ved^r camminäre il figlio, 
muntre il padre stava traiiquillatn^nte söpra 
r Asino. 

II Mugnäjo pensändo di aver t^rto pf^se süo 
flglio in grdppa. Ma av^ano scdrsi p^chi passi, 
quando un' altra persona disse : ^ ! ^ ! che, 
siete matti? vol^te dunque axnmazzäre qu^Ua 
ptfvera b^stia ? Vi assicüro che ndn giungerä 
viva alla fi^ra. Diämine ! disse allora il Mugnäjo : 
c6me si ha dunque da fare p6r soddisfäre ognöno ? 
Volle perd^ bench^ pi^no di malcont^nto, far 
r ultima prdva : e incontan^nte tutti e dtie sc^sero 
dair Asino^ fac^ndolo camminäre innänzi. Ma 
alcüui che inconträrono ddpo^ incomlnciärono 
a dire : perche av^ndo tu un Asino ti sträcchi 
cosl ? e perch^ il tuo giövin figlio. .Signöri miS, 
rispose il Mugnäjo interromp^ndoli^ dite quel 
che vi pare e piace; ndn me ne curo; e ho 
proväto sta mattlna che cbi vu<51 piac^re ad 
ognüno ndn piace a nessüno ; cosi ad^sso cercherd 
alm^no di contentär me, e percid seguird il mio 
gusto, e ndn i vdstri cons5gli. 



63 



Morale. 

Sperire di piac^re ad ognüno h una pazzia, 
bisdgna solam^nte proväre di piacdre a quei, 
che a ciusa del 16ro m^rito, e ddlla löro espe« 
rUnza^ hanno ii diritto di dirigere le n^stre 
aziöni. 

^^ Neppur Gidve a tutti aggradisce/' 



Fiera, fair ; acciö, in order ; suello, alert ; 
arrivo^ arrival; fiedi^Jiet ; pertica^ pole ; stna- 
scellare dalle risa, to burstwith laughter; sciolse, 
untied; a piedi^ on foot; asceso, mounted ; 
Bomaro, ass; diamine, plague; straccare^ to tire; 
aggradire^ to please, 

XLL— ZfO Vblpe e il Gallo* 

Frat^llo, disse una Vdlpe di budn appetito, ad 
un v^chio Gallo che stava appollajäto sui rami 
di un* antica qu^rcia, nöi non siämo piü in gu^rra 
ad^sso ; v^ngo ad aiiiiunziarti una pace generale : 
sc^ndi pr^ato^ ch' io t' abbräcci. Amfco, rispdse 
il Gallo, ti assiedro che ndn poteva sentlr nudve 
piü aggraddvoli : ma asp^tta un momentino : y^g« 

6» 



64 

go düe v^ltri che y^ngono in fr^tta a recärci 
la nudva della pubblicaziöne della pace : vanno 
presto, e sarärino qul a momdnti : asp^tta il löro 
ardvo acciocche possiämo abbracciärci tutti in- 
si^me. Umillssimo Servitdre^ disse la Völpe ; ndn 
p^so tratten^rmi di piü ; ma an' altra vdlta^ 
far^mo f^sta insi^me p^r un ev^nto si fortunäto. 
Cid ddtto, parti, mdlto scont^nta del süo stra- 
tag^mma; ed allora il v^cchio Gallo si mise a 
scudtere le ali per la gi^ja, e a cantäre p^r 
befFärsi dell' impostore. 

Marale. 

Colöro che sdn conosciüti per ^sser cattivi e 
di p^ssima f^de, mdlto di rado ri^scono ad in- 
gannäre le persone avvedtite; ed anzi h cdsa 
assdi comüne di veddre che tutti i löro sfdrzi, 
ndn cond&cono che alla löro rovina. 

^^ Chi c^rca d' ingannär, r^sta ingannäto." 



Appolajare, to be perched ; rami^ branches; 
pace, peace ; veggo, / see ; veltri, greyhounds; 
scuotere, clap ; di rado, rarely ; rieacono, thy 
succeed; awedute, prudent ; anzi, even; con- 
ducono, lead. 



i 



65 



XLII. — V jisino e il Cane. 

Un Asino segiiito da un Cane, portäva del 
pane al mercäto in una gran can^atra. II padrone 
li seguiva, ma oppr^sso dal caldo si addormentd 
in un prato ; e intänto il Somdro si pöse a 
pdscere. Amfco, disse il Cane, io ndn hö ancöra 
pranzäto e tu sai che V ^rba n(5n ^ mio nudri« 
ra^nto» dunque ti pr^go abbässati un pdco, ac- 
cidcch' io pr^nda un pan^tto nella can^stra. 
L' Asino ndn gli rispdse, cid d perö sorprend^nte, 
perch^ r Asino ^ una budna b^tia, Allöra il 
Cane inconiincid di nudvo le sue preghi^re ; ma 
r Asino continuändo a päscere non badäya af- 
f&tto a lui: ma finalm^nte ved^ndosi costr^tto 
di risp6ndere alle importunitä del suo compägno, 
gli disse : Io ti consiglio di aspettäre ; il ndstro 
.padrdne si sveglierä fra pdco, ed allöra per c^rto 
ti darä di che pranzäre. Ma mdntre ragiona 
cosi, ^cco un Lupo affamäto usclre dal bdaco. 
Caro mio amico, dif^ndimi disse il Somäro : 
Comp&gno, rispöse il Cane : io ti consiglio di 
aspettäre che il padrdne sla risvegliäto; questo 
d^tto, si d^tte alla fuga, e il lupo divord il 

Signor Asino. 

6** 



66 



Morale. 

Quell' udmo che pud ^aser utile al suo prds« 
simo, 8^Dza sdo deirim^nto, e che ricüsa di 
serrlrlo, quando ne ha bbögao^ ndn ha nessün 
dirlttx) di aspettäre una s^rte migliöre di quella 
deir Asino« 

** Se ricdver vudi del b^e^ 
'* Fanne tu quando convi^neJ 



»9 



Canestra^ basket ; addormentarsi, to fall asleep ; 
pascere^ to graze ; abbassare^ to stoop ; panetto^ 
a small loaf; svegliarsi, to waJce ; prossimo^ neigh- 
bour. 



XLIIL — La Comäcchia e il Corvo. 

Una Cornäcchia av^odo troväto un' oBtrica^ 
provd di aprlrla col suo b^cco $ ma tutti i sutfi 
sfdrzi färono inätili. Che State fac^do ? cara 
cugina^ disse un c^rto Cdrvo, lo c^rco di aprire 
que&t' östrica, rispöse la Comäcchia, ma in verit^ 
ndn ne pdsso venire a capo. — Davv^ro 1 vdi vi 
perd^te p^r pdca cdsa, lo so un mf^zzo sictiro 
di aprfrla.— Fätemi la gräzia di dfrmelo.— Con 
söoimo piac^re : prend^te la vdstra pr^a, alzätevi 



67 

mdlto per äria, e lasciätela p^ cad^re söpra di 
quello sc^glio vicino. La st61ta Cornäcchia, in* 
fatti, segui il conslglio del Cdrvo, il qaale pr^se 
r ^strica e la maugid quando cadde söpra lo 
scdglio. 

Marale. 

Ndn bis6gna mäi domandär confiigli, a qui£i 
che hauno un inter^se a nön servlrci di cudre. 

'* Chi p^r man d' altri s' iniböcca^ tardi si sa- 
t6Ua-" 



Cornacchia, rook; corvo^ crotv ; cugina, cousin ; 
scoglio^ rock ; atolta, foolish ; imboccare, tofeed; 
satoUa, satisßes. 



XLIV.— i' AghMne. 

Un Aghiröne (qu^sto uccAlo ha il b^cco mdlto 
lungo e fdrte, e le gambe lunghissime) spas- 
segidva pr^sso di un fiume^ vi vide un gran 
nümero di Carpiönij e di Lucci^ ed avrebbe potüto 
facilm^nte pr^nderli ; ma non av^va fame : e la 
sua ragidne ^ra eccell^nte. Perd alcuni momenti 
ddpOj r appetito v^nne : e alldra incomincid at- 



68 

tentam^nte a guatire, per trdvar p^sci da man« 
giäre : ma i Carpiöni e i Lucci ^ran fug^ti ; ed 
^ra una gran p^rdita per Itii. Egli vide delle 
Tinche: quel p^sce uon gli aggradiva in61to, e 
vol^va qualche edsa che av^sse maggior sostäoza. 
lo mangiar delle tinche ! öh questo pdi n J. Ddpo 
vfde dei Ghiozzi. Cotne dei Ghiözzi ! N6n si 
vide mäi un Aghirone mangiär A miseräbili pe- 
sclolini ; ohimfe ? Dunque aprir^ io il b^cco p^r 
sl pdca cösvL ? Lo apri anche p^r m^no : perch^ 
ndn trovändo piü p^sce di ness&na sp^cie, e quasi 
mor^ndo di fame^ si t^nne fortunäto d' incontrare 
una lumäca. 

Morale. 

Üön bisögna ^sser trdppo difficili e tr^ppo 
delicäti, perch^ sp^sso accäde che siämo costr^tti 
in fine^ a pr^ndere mölto p^ggio di quel che 
abbiämo ricusäto dapprima. 

" Appetfto ndn vudl salsa/' 



Aghirone, heron ; gambe, legs ; carpioni, carp ; 
lucci, pike; guatare, to toatch; perdita, lost; 
tinche, tench ; o questo poi no, oh no ; ghiozzi, 
gudgeons: lumaca, snail ; salsa, sauce. 



XLV— // Ponte ed U Flumic^lh. 

Nön tanta fretta, caro fitime^ p6r trasportare 
si piccole barche le quäli non vanno mica p6r 
la difesa della Pätria. Perchd tanto chiasso ? 
Bada a fatti tuöi, Ponte mfo^ il täo dovere d 
di accorciäre il cammino agU abitanti s^nza muö- 
verti ; il nilo di trasport4r vettovftglie ptr nutrirli, 
riscaldarli e vestirli con la maggidr soUecittidine. 

JUorßle. 

Ogni udmo puö r^ndersi ätile fac6ndo uso delle 
süe facoltä alla mSglio. 

^^ OgnuDo ^ Atile^ nessuno d necessärio.*' 



Ponte^ bridge ; fiamicelloj small river ; fretta, 
haste ; fiume, river ; trasportare, to carry ; barche, 
boats ; mica, cU all; patria, country ; chiasso, 
noise; bada, take care; accorciare, to shorten; 
cammino, tcfoy ; vettovaglie, victuals; nutrire, to 
nourish ; riscaldare, to warm ; con la maggior 
soUecitudine, toith the greate$t speed ; alla megiio, 
/or the best ; ognuno, every one; nessuno, noiody. 

XLVl. — // Leone e il S&rcio. 

Un Ledne addormentäto all' dmbra di un älbero, 
dormiva profondissimam^nte, quando un S6rcio 



70 

imprud^nte, gli saltö söpra^ e lo sveglid. II 
Leone lo prese incontan^nte ; e il p6vero sfor- 
tuuäto, tutto tremänte e con v6ce interrötta, 
confessö la sua imprud^nza^ e gliene domandd 
perdöno. II Re d%li animäli nön vdlle diso- 
Qor&rsi macchiändosi del sangue d' un si d^bole 
animäle, ma dätagli la vita il lasciö andäre li- 
beram^nte. Chi il creder^bbe ? qu^sto benefizio 
non fu perdtito. P6chi giörni d6po, il Leone 
cadde in c^rte r^ti, e non pot^ndone uaclre^ 
egli faceva risuonäre le s^lve vicine, co' suöi 
ruggfti. II sdrcio vi accorse, e riconosc^ndo il 
süo benefattore, incominciö subito a rddere le 
maglie delle rdti^ e cosi gli riusci a procurare la 
libertä al Le6ne. 

Morale. 

Ndn bisogna mai niancare alcuna occasidne 
che ci pu6 procur&re un amfeo, p^r quanto di- 
Btänte ch' ^i bia dal ndstro rängo. 

^^ Le b^stie si l^gano con le funi^ gli uömini 
coi benefizj." 



Macchiare^ to stain ; ruggire^ fo roar ; accorse, 
run to; riconoscere» to recognize; rodere, 
gnaw; mancare, tofail; funi^ cords. 



71 

XLVIL — II Leone e il Lioncino. 

Un Lioncfno desideröso di otten^re appläusi, 
fuggiva la societä dei Leöni, e ricercäva qudlla 
delle altre fi^re volgari e vfli ; e nön si vergo- 
gnäva di passäre quasi tutto il suo t^mpo nella 
societä degli Asini^ ivi^ egii presid^va a tutte 
le I6ro assembl^c; imitäva le Idro mani^re e i 
löro costümi : in sdmma egli 6ra in tutto divenüto 
Somaro^ ad eccezidne delle or^cchie. Piü nön 
pot^ndo caplre in se stdsso per la vana glöria, 
volle andäre al paläzzo di süo padre, per mo- 
8tr£rvi tutti gli straordinärj 8u6ital^nti. La prima 
cösa che ivi f^ce, fu di ragghiäre. II Ledne 
fece un salto p6r la räbbia ; e pdi disse : Sciöcco, 
che s^i ; b^n si v^de in che societä tu s^ rimiso 
fino ad^ssö. Quanto siete sev^ro ! mio padre, 
disse il Lioncino. lo vi assicäro che il nöstro 
senäto mi ha s^mpre ammiräto e riguardato come 
una nieravlglia. öh ! quanto il tüo orgdglio ^ 
mal fondäto ! rispdse il padre ; sappi, che i 
Ledni dispr^zzano quel che gli Asini ammfrano« 

Morale. 

S6mpre ci conformiämo alle mani^re di colöro 
che frequentiämo, e insensibilm^nte ; dalla förza 



7Ö 

deir es^mpio, diventiämo 6 budni ö cattivi ; per- 
ciö badäte quanto sfa necessärio 8ap€re con chi 
tn fa amiclzia. 

^^ Dfmmi con chi tu väi, 

'* E saprö quel che fäiJ 



'• »* 



Lioncino, young Hon ; capire in se stesso, to 
cantain himself ; ragghiare, to bray ; meraviglia, 
wonder. 



XLVIII.*— £a T&lpa Gibvaneesüa Madre. 

Mädre^ disse una gidvine Talpa aliargändo 
le narici: mi par di sentire un od6re straor* 
dinärio. Nön sentite voi il rioibömbo dei can- 
noni ! guardäte, guardäte : non ved^te, ^cco una 
muta di cani che ci vi^ne cercändo. Figlia, 
rispöse la Madre, tackte vi pr^go. lo ndn s^nto^ 
n6n ascölto, e n6n vddo ni^ute. H6 credüto 
sino ad^sso che vi mancässe il solo s^nso della 
vfsta; ma b£n v^do che ve ne mäncano tre; 
giacchfe non pot^te^ n6 sentire^ n6 ascoltare, nt 
ved^re. 



73 



Morale. 

E' il difötto generale di tutti i zerbindtti, di far 
mdstca di quelle conosc^nze che n6n hanno : e 
dimdstrano chiaram^ate dai I6ro insensäti di- 
ecorsij che nön sdno altro che sciöcchi, e che n6n 
baono nessün sap^re. 

'' Chi si löda si Itfrda." 



AUargare» toenlarge; narici^ nostrils; rimbom- 
bo^ resound ; muta^ pack ; zerbinetti, fops ; in- 
sensati, ridiculous; sapere, knowledge ; lorda, 
blames. 



XLIX.— // Lupo e il Cane. , 

Un Lupo assai mdgro^ incontrö suUa strada 
madstra un Can mastfno grosso e grasso. Si 
sentlva vdglia d' attaccarlo 5 ma temdva di nön 
^ssere il piü f6rte. Pereid accostatosegli mdlto 
cortesemi^nte, gli fece complimdnto süIla sua 
grass^zza« Come fate amfco mio, p6r god^re di 
una si perfAtta salüte ? ditemi cöine viv^te ? In 
quanto a me ; bench^ io sia piü forte di voi^ con 



74 

tutto ciö mi ma6jo di tarne. 11 Cane gli rbpdBe : 
4 in vöstro pot^re di fasere grasso e felfce quanto 
lo Böno io. Abbandonäte i b6schi, giacch^ ci paa- 
säte una vita trista e miseräbile, oltre che siete 
a^mpre esp6sto ai rigdre delle stagiöni^ e che 
spdsso nön troväte di che mangiäre. Venfte m^- 
CO ; vivrdmo insiAiDQ, ed avr€te buön nudrim^nto, 
buöna casa, insomma tutto ciö che pu6 rindere la 
vita dolce e piac^vole. Ma cösa avrö io da fare ) 
difltfse il Lupo : öh ! quasi, quasi nulla, rispöse il 
Cane : soltänto diffindere la casa, e badäre che i 
ladri non c' ^ntrino : ^cco tutto qu411o che io f6 ; 
e in riconosc^nza di questo mio servf zio, pr6ndono 
cura di me, c6me b^n ved^te : il mio padröne mi 
accar^zza ; i servitdri mi danno d' ogni sdrta di 
vivände, e vivo come un principe. Venfte m^co, 
amlco, e ricever^te lo st^o b^l trattam^nto. 
Veram^nte^caro amico, disse ilLupo; salt&ndo 

digiöja; o quella si cW ^ una vita f^llce! 

Quanto t differ^nte dalla mia ; ci6 d^tto s' incam- 
tnf nano« Ma strada facdndo, il Lupo si accörae 
ehe il c611o del Cane 6ra speläto. Cösa 6 qudsto 
m^ ? disse il Lupo : Ni^nte affiitto, rispöse il 
Cane. — Ma di gräzia dftemi? — Questo 6 cagio^ 
näto dal colläre col quäle söno attaccäto. Cömel 
attaccäto !. . . . dite voi ?. . . . Dunque nön correte 
quando vi pare e piäce ?— Nön s^mpre, rispöse il 



76 

Cane: ma che imp6rta,— *Che impörta? egii im- 
pdrta täntOj rispöse il Lupo; che piü non invidio 
la vdstra felicitä, anzi preferfsco la mia mis^ria. 

Morak. 

Qu^sta fävola ci dimostra quanto la libertä sia 
impareggiäbilei e quanto si^no vili quei, che la 
si^ificano ad un pfcciolo Interesse. 

E' m^glio fasere uccdllo di caropägna che di 
gibbia." 



Strada maestra, high road ; niastino, mastiff'; 
grassezza^ fainess ; oltre, besides ; accorse» per^ 
ceived; spelato^ rubbedoff. — Gabbia^ cage. 



h.^^La Sdmia e il Leop&rdo. 

Una Scf mia ed un Leopärdo, c6me düe ciur- 
madöri^ av^ano ambi il loro cart^llo al caiilone di 
una sträda principäle. Signori, diceva il Leo- 
pätdoj io ndn mi vanto di össere un buffone e un 
mercänte di smörfie come il mio vicfno^ ma bensi 
la mia glöria, e il mio m^rito^ sdno conosciüti in 
tutto r univ^rso ; e alla cittä, e alla cörte, la bei- 

7* 



76 

lezza deUa mia p^Ile ^ egualm^nte ammiräta : ve^ 
nfte^ entrate, p£r vedere quanto k bella. La sclmia 
che ^ra dirimp^tto rispond^va : N6n badäte a quel 
che dic8 il mio vicfno^ egli ^ un impost6re, ^ un 
animäle scidcco e grossoläno ; nön ha n^ giudizio 
n^ splrito, insomma, altro n6n ^ che un Leopärdo ; 
egli h di varj colöri i v^ro ; ma ^cco in che consiste 
tutto il 8UO mfirito ; e quella st^ssa varietä di c6i 
^gli si vanta, io 1' h6 ndllo spf rito. Favoxfte, Si- 
gn6ri, e venite a vedere le mie graziöse bnffimerle. 
II pübblico mösso a cariosita ; alcuni 6rano allettäti 
dalla belldzza delle p^Ile del Leopärdo^ ed altri dai 
b^i discörsi della Scimia; e cosi queidue rivali, 
bench^ parMssero di contfnuo V an contro V altro, 
pure viv^vano tutti e dae della sciocch^zza dei }6to 
udittfri. 

Murale. 

Nön y' ^ ni^nte di piü comune, che il veder per^ 
sone slmili al Leopärdo e alla Scimia, e ve ne söno 
tr6ppe in tutte le condizioni della vita, che vf irono 
alle spese^ e sali' altrui credulitä : qu^i tali hanno 
b^n ragione di dire, 

*^ Con arte e con ingdnno * 

" Si vive m^zzo V anno ; 

'* Con inganno, e con arte> 

" Si vive V altra parte." 



71 

Scimia, op^; ciarmadoriy qtmeka; cartello^ 
ahallenge $ cantone^ comer ; smorfie, grimaces; 
bensi, on the contrary ; dirimpetto, opposite; 
grossolanoy coarse ; alettare^ to chamu 



LI.— -i// Lupo e il Capretto. 

Un Lupo assai sciöcco (pochfssimi perö lo söno) 
ma che av^a buonissimo appetfto, trov6 per isträ- 
da un graziöso capr^tto^ che allontan&tosi dalla 
grögge si 6ra smarrito. Amico, disse 1* animäle 
affamäto, tu s^i davvdro il htn venüto, e sarai p^r 
me sta sera una c^na eccelldnte 1 tanto piü che 
auir ontfr mio^ non hö avuto öggi d6 colazione, 
n£ pranzo» Se dunque io devo morfre, disse il 
pdvero Caprdtto, di gräzia, cantätemi prima una 
canzoncina; spöro, mio Signöre^ che n6n mi ri- 
cuser^te qudsto favdre, atteso che h il prf mo ch' io 
vi domändo; hö int^so dire piü vöIte che 
ndn si vide mal nitisico piü cölebre di voi. II 
Lupo alldra da vero baldrdo, cominciö ad urlare, 
provindo di cantire ; a quegli urli accdrsero in» 
contan^nte i pasttf ri ; e cosi^ nön solo n6n potö 
divoräre il caprdtto, ma con difficoltä riuscl a 
aalväre la sAa vita« Ah 1 disse allora il Lupo 

fuggfindo ; io ndn b6 altro che quel che m^rito ; 

7«» 



78 

il mio meati^re ^ di mangiir p£core^ e nön di can« 
tär canzöni. 

Marale. 

Bisögna rifl^ttere prf ma di parläre $ e dir quel 
che vi^ne alla böcca ^ s^mpre mölto pericolöso. 

E* m^glio sdrucciolär co' pi^di che colla lin- 
gua. 



Capretto^ Utile kid; gfegge^ßock; smarrire, 
to hose; colazione^ breakfast; canzoncina, a littk 
song ; atteso, as; balordo, foolish ; mestieriy 
trade ; pecore, sheep. — Sdracciolare^ to slip. 



LH. — II Qatto ed i Conigii. 

Un GattOj affisttändo grandfssima mod^stia, 
entrö in una conigli^ra pi^na di conlgli d' <5gni 
sörta ; al stio arrivo tutti i cittidini atterritidal ti- 
möre, subito rimbucärono ove pot^rono. II Signor 
Bascasörei li segui^ e si pose in agguito prdsso 
ad un covfle ; ed ivi sferzando la sua c6da, alltm* 
gindo il cöllo, e string^ndo le or^cchie^ par&i 
aspett&re con aria di bontä, che qualche cittadfno 
si presentäese. Gli niandäronoi conlgli dei de- 



79 

putiti ; e questi si mosträrono Boltanto al luögo il 
piü stretto del covUe. Av6iido in s^guito esami- 
näto i su6i artigli; Che cercäte qui? dissero i 
confgli : NuUa affätto, rispöse V astüto anim&le ; 
io studio il carättere, e le mani£re della vöstra ua* 
zidne ; perch^, essfindo fo filösofo^ vado in tutti i 
pa€si, p£r conöscere a fondo le I^ggi» ele usänze di 
tutte le spdcie degli animäli. A questa rispdsta, 
i deputäti se ne tornärono in di^tro ai Idro coui- 
pagni, e gl' informarono che lo strani^re altro nön 
^ra che un amäbile iildsofo di mod^sto e dölce 
cont^no, il quäle altro non cercava che ad acqui- 
stäre la savi^zza^ col viaggiäre da un pa^se all' al- 
tro. AI discdrso d^i deputiti, V assemblfia risol- 
vette di uscir fuöri^ affin di far conosc^nza coli' 
amäbile filösofo. Badate b^ne 1 gridd allora un 
v^cchio coniglio che avevagrandksimaespefidnza; 
io n6n hö tröppo buöna opinidne di qu^sto v6stro 
filösofo, e cr^do che sar^bbe prud^nza di rimandrci 
n^i ndstri covfii. Ma gli altri non lo ascoltärono 
e völlero andäre a salutäre il dottdre ; ma questi 
incontan^nte ne strangolö una in&zzsL do^^jsina, e 
gli altri quasi mörti dalla pa^ra/cörsero di nudvo 
a nascdndersi nei Idro buchi. 



80 



Morah. 

iUsögna sfimpre diffidarsi delle amicizie e delie 
car^zze dei catüvi^ altro non 86no che träppole 
nelle quali c^rcano di farvi cad^re. 
*' Dfo mi guirdi da quella gatta^ 
^' Che dinäozi mi Idcca, e di^tro mi gräfiSaJ 



*> 



Conigli^ rabbits; conigli^ray warren; rimbu« 
car, to creepinahole; buscasorci, mouse^cutcher; 
agguato, watch; covile, hole; deputati, depuiies; 
stretto^ narrow ; in seguito^ afterwards ; artigli^ 
claws; contegno^ appearance; nascondere^ to 
hide ; buchi^ Aofe«.— Diffidare, to distrust ; trap- 
pole, snares ; leccare, to lick ; graffiare, to Scratch, 

IjIII.«. Gli Animäli ammdlatt dalla Ptste. 

Una p6ste terribile^ portäva via ogni g^drno un 
nümero incredibile di animali ; e siccome con- 
tinuäva colla st^.ssa fdria a diminulrne il nümero, 
il Leone t^nne conslglio, e disse agli animäli: 
Cari mi6i südditi, nön v' ha il mdnomo dfibbio che 
il Ci^lo abbia pecm^sso questa disgräzia a cagidne 
dei nöstri pecc&ti : dunque convi^n fare una con« 



81 

feesiön generale in pübblico, acciocchi il piü col- 
p^vole sia sacrificäto per la salüte di tulti gli altru 
Tutti gli animäli, in fatti approvärono la propösta, 
la volpe, col cons^nso generale, fit scelta giüdice, L< * 
p6r giudicäre dei delitti di ciaschedüno. 

II Lietfne il primo, comincid la güa confessiöne. 
— Oh ! 81, lo sdno stato un gran peccatdre ; e h6 
sbranäto gran nümero di agn^Ui : e c6sa mi av^an 

fatto? ohim^ ! ni^nte Mi ricördo anche di 

aver divoräto una vdlta il pastdre: dunque fl'd 
diiöpo io morr6 ; ma ^ giusto perö che ognüno si 
acc6si prima, e che il piü colp^vole p6ra. La 
V6ipe alldra disse in autordvole modo: certa- 
m^nte quegli assassinj in ogni altro, ecc^tto il Re 
degli animäli, sar^bbero gravi ssimi delitti j ma sua 
Maestä ondra gli agn^Ui che sbr&na ; e in quanto 
al pastdre, nön c' ^ neppür gran male, giacch^ solo 
necessita, ne fu la c^nsa. Cod la v61pe giudicd 
il Ledne, e fu approväta da tutta 1' assembl^a. 

Indi la Tigre, il Leopärdo, V Orso, il Lupo, e 
mdlti altri animäli si confesaärono di delitti, 
pr^sso a pöco afmili a qu^Ui del Ledne« Qaästi 
altro ndn söno che peccatüzzi, disse la Vdlpe : io 
st^ssa, e ne domindo perddno al gran Gidve ! 
inangiäi una vdita un gallo assäi grassötto, ma ^ 
vero perö, che tal 6ra il rumore che fac^va dgni 
mattina, che i vicini ndn pot^vano dormire, e. • • • 



82 

ma via andÜmo avintu Un p6vero aomäro, töcoo 
da vivissima componsadne, v^nne in s^guito, e dia- 
se : Mi rammento che un gidrno^ portando cävoli 
al mercito^ ne mangiäi alcüne föglie ; ma la mfa 
fame öra gprandlssima ; ne sdno veram^nte con- 
trfto e 8p6ro • • • • Voi aperäre, disse la volpe ; 
alzando la vdce ; e trasport&ta di ztlo e di cdllera } 
cösa m&i poUte sperire d6po di aver comm^sso un 
delftto si atröce ? Scelleräto^ tu solo s£i la c&usa 
d' ogni ndstra disgrizia. Cöme 1 mangiäre i c£- 
voli del tuo padröne ? Mio buön Signore^ rispöse 
r Asino trem&ndo da capo a pi^di per la paüra, 
nÖQ söpo i cävoli ch'io mangi&i. . . •Briccöne, 
mangiästi le föglie ed ^ tutt' uns^ tu morr&i. Gli 
anim&li crudöli^ allöra si avventarono sull' inno- 
cönte somäro^ e lo sbranärono. 

JUorale. 

Molti che commdttono gravfssimi delftti^ ndn 
sdno puniti, sfa a cagione della loro näscita, 6 
deUaldro fortüna; muntre altri sdoo severissi- 
mam^nte punSti, p6r cdlpe leggi£re. 

*^ Perdonire a cörvi, e punir le colombe/' 



Tenne, held; peccati, sins ; consenso, consent ^ 



83 

scelta, chosen; delitti^ crimes; ciaschedano, 
each; sbranare, to devour ; p^ra, perish; auto- 
revole, auihoritative; orso, bear ; peccatuzzi, 
Utile sins; rammentarsi^ to remember; contrito^ 
penitent $ scellerato^ villain; briccone, knave. 



LIV. — // Riträtto che parla. 

Un uömo ricco av^ndo fatto fare il süo riträtto, 

desiderö sap^re quäl fdsse ropinione de' 8u6i 

amici su qudsto süo riträtto. C^rto, questa nön ^ 

la vöstra fisonomia disse V uno ; e il pittöre i un 

ignorantäccio, giacch^ vi ha dipfnto quasi n^ro, 

muntre siete biänco cdme giglio. II riträtto vi fa 

comparire brutto, e vöcchio, disse un altro; e 

8uir ondr mio siete mdlto piü bdllo. Ohimfe! 

disse un t^rzo, come gli öcchi sön plccoli ; e il 

naso schiacciäto ; bisögna assolutam^nte comin- 

ciäre il riträtto di pianta. In vano il pittdre so- 

stenne che la somigliänza ^ra perf^tta ; bisognö 

farne un altro, il quale riusci a meraviglia. Lo 

moströ di nudvo agli amici deir uömo ricco, i 

quali lo trovärono peggidre del primo. Signori, 

disse allora il pittdre ; sargte soddisfätti : e do- 

mäni se nön ri^sco apiac^rvi, butto viai penn^Di. 



84 

Quändo fdrono andati vfa, il pittdre disse all' 
u6ino del riträtto ; I vdstri amici altro D6n sono 
che ignorinti critici ; e se vol^te farne la pröva, 
io taglierö via la t^sta ad un quadro simile a 
qiiesto, e ci metterdte la v6stra in vece« Si, disse 
r uömo ricco ; io ci cons^nto ; domäni sar6 qui 
di nuövo. L' indomäni, all' <5ra convendta arrf- 
vano in föUa i dötti amfci ; e il pittöre mostrd 
löro il riträtto ad una c^rta distänza, e in un luögo 
un pöco oscüro. Via^ Signöri, che ne pensäte 
ad^sso ? vi assicüro che mi s6n dato grand' in- 
cömodo per finire la t^sta. ... Oh ! questo p6i 
n6n h certam^nte il ndstro amfco dissero i co- 
nosc^nti, e altro non ^ che un abbdzzo, Signor 
Pittdre. Vöi v'ingannäte^ disse la t^sta del 
quadro, (con una voce che quasi li fece morire di 
paüra) söno fo stdsso. 

Morale. 

E pArdere il t^mpo e le par61e, a cercär di con- 
vincere i critici ignoränti, ö qua che nön v^dono 
che con gli 6cchi delle löro passi6ni. 

" E' piü fäcile criticäre, che far ro^glio." 



Riträtto, portrait ; giglio, Uly ; brutto, ugly; 
8chiacciato,^a/; di pianta, entirely ; domani, to- 



85 

fnofrow ; buttare^ to throw ; pennelli^ pencik ; 
tagliare, to cut; quadro, picture; in vece, m- 
3tead; rindoroani^ the nest day ; convenuta, 
ngreed; abbozzo, sketch. 



hV.—Il Cärvo ed i B6vi. 

Un c^rvo insegulto dai cacciatöri, piü n6n sa- 
p^ndo ove rifugiärsi, entrö in una masseria, e 
ved^ndo unBovile ap6rto vi si nascdse ; pregän- 
do i B6vi di perm^ttergli dl riman^re fino all' indo- 
mäni. Ah ! caro c^rvo disse un Büe, io nön vi 
conslglio di venire a nascdndervi in qu^sto luögo, 
ove di contlnuo arrivano bifölchi, pastöri^ e sSrve ! 
In quanto a n6i siate c^rto che ndn vi tradir^mo ; 
ma 8ull' ondr mio^ t^mo che sargte scop^rto. — 
Giünge la ndtte, ed ^ntrano c6me al sdlito i s^rvi 
p6r portäre dei fi^no, e cambiäre la lettiSra ; ar- 
rtva anche il capo dei bifdlchi, e tutti se ne vanno 
vfa s^nza ved^re il c^rvo. Qu^sti, aI16ra f^ce miile 
ringraziam^nti ai Bövi^ p6r la i6ro ospitalitä, assi- 
curändoli che se fdsse mai in süo pot^re di fare 
cösa alcüna per Idro^ vedr^bbero quanto ^ra rico« 
iiosc^nte, p6r qudsto loro bu6n servfzio. Noi de- 
sideriämo sinceramente^ disse il bdve che avea par- 
läto inn&nzl^ che siate fu6r di pericola, ma se 

8 



86 

r udmo con c^nto öcchi. . • «Chi ^ queir u6mo ? 
domandd il C^rvo, interromp^ndolo« II nöstrp 
padrdne, rispöse il Büe ; e 8* egli vi^ne, (e mäaci^ 
mölto di rado) voi sargte per c^rto scop^rto« 

Stävano parländo anc6ra, quando 6cco arriväre 
r uömo con c^nto 6cchi : incomincia sdbito ad 
esaminäre tutte le c6se, girando di qua e di lä ; 
cdsa fanno lä qua gioghi ? disse ai s^rvi ; mett^- 
teli al Idro pdsto^ e qu^sta letti^ra mi par v^cchia, 

ria presto cambiätela dh ! dh ! e questa cdsa d, 

ved^ndo le c6rna del c^rvo ; come mäi, s^i tu 
dunque vendto qui ? me ne rall^gro amlco b^llo, 
ci faräi fare un pranzo delizidso. E fattölo uccl- 
dere^ fece gran fösta co' suöi amlci. 

Morale* 

E' una cosa indubitäta^ che la pres^nsa del pa- 
drdne contribulsce piü di ogni altra cösa che tutto 
sia in drdine ; perch^ i Buöi öcchi soli, v^dono piü 
di tutti quelli de' su6i s^rvi riunfti insi^me. 

'^ L' 6cchio del padrone ingrassa il cavällo/' 



Cervo, stag ; ove, where; ma&sevm, /arm t/ardj 
hovüe, ojF Stahle j fieno^ hay; lettiera, litter j 
cento, hundred ; molto di rado^ seldom ; gioghi^ 
yokea* — Ingrassare^ to fatten. 



87 



LVI.— // 3IoscheHno e il Lehne* 

lo non vi t^mo, dic^va un gidruo un Mosche- 
rino ad un Le6ne. £ mi maravlglio veramente 
che osiäte pr6ndere il titolo di Re degli animäli : 
come ! il fiüe certam^nte ^ mdito piCt grosso di 
voi^ e pure io lo cond&co cöme vöglio, e lo batto 
a piü potere^ allorchfe me ne vi6n fantasla ; e mal- 
grädo tutta la förza che la natura vi ha dato, Si* 
gnor Leone, io vi sfldo alla pdgna. 11 Re degli 
animäli s^nza neppür rispöndere, guardäva T in- 
s^tto con äria di dispr^zzo. M a ^cco il niosche- 
rino che incomf ncia la battäglia, e avventätosi sul 
cdllo del Leone, con ripettite puntüre il r^nde fu* 
ridso. — Arde di ribbia U Le6ne, i sudi öcchi av- 
vämpano di fuöco, e assdrda le campägne co' sudi 
ruggfti. Ne tr^nia di terröre tutto il vicinäto, e 
cid altro nön d, che V effdtto di un Moscherlno ! 
Gli pünge ora il dörso ed ora il p^to \ e in vano 
il Leone girändo la cdda si hatte i fianchi. Final- 
m^nte T animal^tto entra nelle narlci del Re degli 
animäli, e lo torm^nta a tal s^gno, che piü nön 
pot^ndo r^ggersi in pi^di, cadde dal dolore, e dallä 
r^bbia, lacerössi il cdrpo con le säe pr6prie zämpe. 
A questa vfsta X ins6tto, trionfänte e gloridso, lo 

8* 



88 

lascia ; e muntre si ritiräva pubblicändo dapper- 
tdtto la süa segnaläta vittdria^ egii s' imbatt^ sfor- 
tunatara^nte in una ragnat^Iaj e non petendo li- 
berärsene^ div^nne la pr^da di un altro ins^to ! 

Morale. 

I nemici i pid d^boli sdno spdsso i pi6 da te- 
m^re^ cdme le cöse le piit piccole, ne prod&cono 
sov^nte delle grandlssime. 

" Una scintllla puö cagionäre un inc6ndio." 



Moscherino, Utile ßy ; pugna, combat^ reg- 
gersi; to support ; lacerare, to tear ; zampe^ claws ; 
segnalare^ to signalize ; ragnatela, spider's web*^^ 
Scintilla, spark $ incendio, conflagration* 



LVII.-// Fillano, ed il Büe. 

Un villano adirätosi con un Büe ritroso^ lo ti 
dar6^ gli disse, un colpo con qu^sto mattone : il 
Bue pensando, che fosse t^nero come la t^rra, che 
rivolgeva, ai persuäse, che gli farebbe p6co male ; 
ma ricevuto il colpo si acc6rse quanto il mattone 
si ^ra indurito al fu6co. 



89 



Morale. 

Talvdlta ndn conosciämo il danno, che pos- 
siamo ric^vere dagli altri, se nön ddpo äverlo pro- 
vato. 

Pur r u6tn di bassa cuUa 
Ne pu6 ridurre al nulla. 



Villano, a countryman ; bue, ox ; adirarsi^ to be 
angry ; ritroso, obstinate ; dare^ to give ; disse^ 
Said; colpo, bloto; mattoue, brich; pensare^ to 
think; tenero, tender; terra^ earth ; rivolge^ to 
tum round ; persuase, persuaded ; fare, to do ; 
poco, little; male, hurt; ricevere, to receive; 
accorse^ perceived ; fosse, was ; indiirire» to har^ 
de»; fuoco, ßre. — Talvolta^ sometimes; cono- 
scere^ to know ; danno^ evil ; altri, oihers ; dopo, 
elfter; avere, to have; provato, esperienced; 
culla, extraction. 



LVIII.— iZ Rosignuöio ed il MMo. 

Una völta il Rosignudio diase allo strid^nte 
M6rlO| O taci, o canta qualche cauzonetta melo«* 

8** 



90 

diösa.— Vedo b£ne che s^i pazzo, gli rispose il 
M ^rlo, da si che tu mandi fu6ri voce cavata con 
grand' arte dall' intimo del tüo p^tto ne' lu6ghi 
remöti nessuno fa attenzione a,te; sappi che ge- 
neralm^nte nei moudo nön söno stiinati d6tti quei 
che sannO; ma qu^i che si lödano e si väntano. 

Morale. 

Molti han m^rto e sapere^ ma p£r la ioro timi« 
ditä e mod^stia rimängono neir oblio. 

Piü b^lla h mercanda, grand' k sapi^nza 
Ess^ndo accompagiiate da eloqu6nza. 



Rosignuolo^ nightingdle ; merlo, blackbird y 
una volta, once; disse, said ; stridente, chirpmg ; 
tacere, to be silent ; cantare^ to sing; qualche, 
some ; canzonetta, Utile song ; melodiosa^ melo^ 
dious ; matto, fool ^ rispose, answered ; poichd, 
since ; mandar fuori, to utter ; voce, voice ; ca- 
vare, to draw ; arte, art ; dair intimo, from the 
bottom ; petto, breast; nessuno, no one; mondo, 
World; stimare, to esteem; dotti, leamed; non 
KfixAf not those ; sanno, know ; lodare, topraise; 
rantare, to boast; molti, many ; sapere, to knmv ; 
oblio, obscurity. 






91 



LIX»— >Z<a Comacchia, U Pörco e la Qu&cia. 

Attaccävasi la Cornacchia con le uughie suUa 
schi^oa d' un c6rto p6rco, diceva, guardando tutti 
gli älberi intdrno, Dove porter6 io qu^sta mia 
grassa e grdssa pr^da ? Qua, disse la Qu^rcia se 
vuöi^ ch^ io le la serberd fedelmente ; b£ne, ri- 
spose. . . . ma std pensando in che modo alzar 
pössa con le mfe förze questo gran peso. Oh ! di 
cio^ risponde il Pörco^ te ne consiglieräi altrove» 
e in questo dire si scösse un p6co ', la Cornacchia 
spaventata se ne vol6 in gran fretta, ed egU si 
mise a rldere. 

Morale. 

Diveniämo il sogg^tto delle risa e dello schemo 
di ogQunQ^ quando vogliämo fer cöse maggiori 
delle nöstre förze. 

Dal dctto al fatto 

Vi i un gran tratto. 



La cornacchia, crow ; porco, pig ; quercia, oak ; 
attaccare, to stick ; unghie, naik ; schiena^ craup ; 



92 

diceva, said; guardare, to look; alberi, trees; 
iotorno, round; portare^ to carry; grassa^/a^/ 
grossa, large ; preda, prey ; qua^ here ; se vuoij 
if you will; serbare^ to keep ; bene, well ; ri- 
spose, answered; sto, lam; pensare, to think ; 
alzare, to rise ; possa^ I may ; peso, weit; li- 
spondere^ to answer ; altrove, eUewhere ; dire, 
saying ; scosse, shaked; spaventata, q/ratcf ; vch 
lare, jf?y; fretta, haste. — Divenire, to become; 
risa, laugh ; scherno, derision ; vogliamo^ iae will ; 
fare, todo ; mtiggLovi, greater; deitOj Word; fatto, 
deed; tratto, distance. 



LX. — // Fango. 

II Fango aveva desiderato, e la grandezza d'un 
Coldsso, e la forma di Bacco, di Apdllo ed altre 
c6se Bimili, le quali aveva tutte impetrate dall' 
uömo ; nön p^r questo fu mäi in pr^o in alcim 
lu6go. Nön mi meraviglio, disse, rientrando in 
se stesso, se nön fanno stinia di me, ch^ sdn pi^no 
di sporchezze, e perb i necessario ch' io me ne 
netti. 



93 



Morale. 



Bramar dobbiamo piuttdsto di avere una hHV 
äpima, ed uq cu6re b^n fatto^ che gU onori e la 
budna fortuna. 

C6rati di s6Iida fatna. 



Fango, dart; Bacco, Bwchus ; inipetrare, to 
obtain ; pregio, esHmaHon ; rientrare in se stesaoi 
to reflecl ; fanno stima, to eateem ; pieoo, fiiU ; 
sporchezze, vile acHons; e perd, therefore; me 
ne netti» that Irid myaelfof it^ — Bramar, to wiah ; 
dobbiamo, we otight ; piutto^to, rather ; avere, 
to have ; anima, soul; cuore, heart ; fatto, dofne ; 
curat!, have care ; fama, fame. 



LXL— Z^ Fblpe, 

Veddndo la Volpe la punta della coda d' un 
Leöue, che si £ra pdsto in agguäto di^tro un älbero, 
e bench^ inc£rta se fosae un Büe, nulladimeuo se 
ue andö via corr^ndo, e nel cdn'ere diceva ; lo vd- 
glio che gU amici mi6i si rfdano piuttösto di me, 
e della mia leggerezza nel fuggire, che u6n piän- 
gano la mia disgrazia« 



94 



Morale. 

Nelle dabbie cöse conviöneappigliarsi allaparte 
piuL sicura« 

Chi ha prad^nza V adöpri. 



La Volpe, thefox ; vedere, to see ; punta^ point ; 
coda^ tail;\eonQy tum; posto^ placed; agguato, 
watch ; dietro, behind ; albero, tree ; benchd, a/- 
thottgh; bae^ ox; nuUadimeno, nevertheless ; 
andare, to go ; via^ away ; correre, to run ; di- 
ceva^ said; voglio, will; 2kmici, friends ; ridere, 
to laugh ; piuttosto^ rather ; leggerezza, swift^ 
ness ; fuggire, ^o fly; piangere, to pity; disgra- 
zia^ misfortune \ dubbie, doubtful ; cose, things ; 
conviene, it is better ; appigliarsi, to cotiform ; 
V adopri^ make use ofit. 



LXII. — La Lepre. 

Quella celebratissima L^pre del Po^ta Mar- 
ziale, la quale si 6ra rifugiäta in bocca al Leöne^ 
guardando p6i da lungi gli abbajanti cani, che 
aspramente 1' av^vano perseguitata, O quanto im* 



!A 



95 

pöria ! lor disse^ V ^ssermi raccomandata a qu^sto 
nobile e generoso animale ! 

Morale. 

Se un vil malvägio pub ridurci a ni^nte 
Molto ne puö giovare un budn potente. 



Liepre^ hare ; quella, that; rifugiarsi, to take 
refuge; bocca, mouth; guardare, to look ; da 
lungi, afar off; abbajanti cani, barking dogs ; 
as^Tamenie,ßercely ; perseguitare, topursue ; im- 
porta, it is important ; essere^ tobe; raccoman- 
dare^ torecommend; malvagio, wicked; ridurre, 
to reduce ; niente^ nothing ; giovare, to aid ; po- 
tente, powerful. 



FINB. 



DALLA STAMPBRIA DI G. 8CNULZR, 
13, POLAKD STREIT. 



^».